Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Più veltroniani di Veltroni

Grosseto, 21:11
VELA, SENSINI SI CANDIDA COL PD ALLE ELEZIONI EUROPEE
La sfida è politica, ma Alessandra Sensini, campionessa olimpica di windsurf a Sydney 2000, per prepararsi alle elezioni europee – oggi è stata candidata dal Pd – si allenerà come ha sempre fatto nello sport: «Con determinazione e lavoro duro». E questo implica anche una scelta negli obiettivi. «Le olimpiadi del 2012? Per adesso mi concentro sulle elezioni. Certo, se andranno bene dovrò rivedere i miei impegni sportivi».

Condividi questo post:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email
Share on LinkedIn
Linkedin

L’ho detto

Un lettore qualche giorno fa l’ha buttata lì così per scherzo, ma secondo me accade sul serio. Secondo me Antonio Di Pietro lascia passare una decina di giorni e poi annuncia la candidatura di Giampaolo Giuliani alle elezioni europee con l’Italia dei Valori. Nella circoscrizione Centro, ovviamente

Condividi questo post:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email
Share on LinkedIn
Linkedin

La maggioranza silenziosa

Mi era sfuggito che la mezza rivoluzione moldava è la prima organizzata su quel magnifico aggeggio che ancora non riesco ben ad inquadrare, twitter, ma comunque per capire in poche parole perché in Moldavia la gente inizia a essere parecchio indispettita può essere d’aiuto riportare quanto ascoltato ieri mattina da una gentilissima signora delle pulizie moldava, che pur non tornando in Moldavia da due anni, alle ultime elezioni risulta di aver miracolosamente messo una x sulla scheda elettorale, e di aver votato ovviamente per il Partito comunista.

(hat tip: Cerazade)

Condividi questo post:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email
Share on LinkedIn
Linkedin

Le sconfitte – quelle sì – si possono prevedere

Lo diciamo subito per evitare che qualcuno possa pensare al solito inutile esercizio del «te l’avevo detto»: chiunque poteva prevedere che sarebbe andata così. Lo sapeva benissimo Veltroni, che si dimise proprio per far saltare una partita di cui ogni mossa era inesorabilmente prevista e prevedibile. Lo sapeva Bersani, che proprio per questo aveva deciso di rimandare la sua effettiva discesa in campo. Lo sapeva lo stesso Franceschini, chiamato a fare il segretario in seguito al fuggi fuggi generale.

[Continua a leggere →]

Condividi questo post:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email
Share on LinkedIn
Linkedin

Visionario inaffidabile o scienziato criminale?

Un’ultima cosa su Gioacchino Giuliani. Si è detto che non ha previsto moltissimo, considerato che aveva pronosticato un forte sisma entro marzo a Sulmona e questo non si era verificato, mentre invece non aveva previsto né il terremoto vero né la scossa di ieri sera, di potenza poco inferiore a quella devastante di due notti fa. I suoi difensori – Marco Travaglio, in questo caso – rispondono in maniera piuttosto imprudente:

Questo scienziato dice: “ma come facevo ad avvertire la gente, che l’ultima volta che ho parlato mi hanno denunciato?”. Chiaro che se avesse riproposto quell’allarme gli avrebbero contestato una recidiva nel procurato allarme: l’avevano praticamente ridotto al silenzio.

Se fosse vero, se quest’uomo prevede i terremoti sul serio ed è stato zitto ieri e quattro giorni fa per non incorrere in un’altra denuncia, allora non sarebbe molto – ma proprio molto – peggiore di un semplice buontempone visionario? Di fatto, si possono pensare due cose, di Giuliani: che sia un personaggio poco affidabile che dice cose poco credibili, o che sia uno scienziato incompreso che ha scoperto qualcosa di fondamentale per salvare le vite delle persone, ma davanti al rischio di una denuncia ha deciso di rimanere in silenzio. Io propendo per la prima ipotesi. Chi sostiene la seconda tesi dovrebbe riflettere sull’accusa terribile e ignominiosa che lancia nei confronti di questa persona.

Condividi questo post:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email
Share on LinkedIn
Linkedin