Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Giornalettismo

Nuovo conio

Complice il desiderio di Bruno Vespa di pubblicizzare il suo libro, non erano passate nemmeno 24 ore dalla chiusura dei seggi delle primarie che già le agenzie di stampa battevano: «Rutelli: vado con Casini e non da solo». Eccolo, abbiamo pensato tutti. Così come da mesi si paventava, è successo. Pier Luigi Bersani vince le […]

Vedi alla voce “polpetta avvelenata”

Non ci voleva Eugenio Scalfari per spiegare ai tre candidati alla segreteria del Pd che se fai le primarie e scrivi su tutti i muri delle città «Il 25 ottobre scegli tu il segretario», poi sarebbe un discreto suicidio eleggere a segretario del Pd uno che alle primarie è arrivato secondo o terzo. Va bene […]

Ricominciare dai fondamentali

Tutto si può dire, meno che la campagna congressuale del Pd sia stata fino a questo momento particolarmente appassionante o scoppiettante. Nonostante questo, però, e nonostante i guai nel frattempo non siano mancati – dal voto sullo scudo fiscale alle polemiche attorno alle dichiarazioni di Rutelli e Penati – finora questa campagna ha avuto una […]

Del saper cosa ci aspetta

Niente. Ci hanno provato a trattenersi, ma alla fine non ce l’hanno fatta. Non hanno resistito. Dopo un anno passato ad avvelenare i pozzi, a fare il controcanto a Veltroni, a rispondere in modo ambiguo e sibillino a ogni sua dichiarazione, a minare continuamente il suo già traballante operato con mezzi più o meno ortodossi, […]

La morte di Berlusconi

Mi han chiesto di scrivere un editoriale-coccodrillo, immaginando cosa scriverei nel giorno della morte di Silvio Berlusconi. Sembra un po’ surreale, e non potrebbe essere altrimenti, ma non avrei potuto essere più serio. Per anni abbiamo pensato che questo giorno sarebbe stato, nel suo piccolo, un punto di svolta della storia del paese. Sbalorditi e […]

Sì, il dibattito sì

A pensarci bene, si tratta di una cosa tipicamente italiana. Come nel calcio: la squadra in vantaggio – anche con un risicatissimo uno a zero – preferisce giocare in difesa, fare catenaccio e aspettare il novantesimo. La squadra che perde si getta in attacco, all’arrembaggio, guidata non dal coraggio bensì dalla dalla disperazione: dovessero raggiungere […]