Francesco CostaWhen in trouble, go big

Francesco Costa

When in trouble, go big

BLOG

Guida per la sopravvivenza ai regali di Natale, edizione 2016

Copia link

26/11/2016

Dopo qualche impaziente sollecitazione ricevuta, ritorna un piccolo rito di questo blog, cioè le dritte e i consigli per superare indenni la stagione dei regali di Natale. Regole d’ingaggio, le solite. La prima è pensarci adesso, subito, proprio in questo momento. La seconda è farlo adesso, subito, dal divano: comprare online permette di evitare le code, risparmiare tempo e farvi spedire i regali dove volete (opzione utile soprattutto per chi a Natale raggiunge parenti e amici da qualche parte). La terza è farvi venire qualche idea, e di seguito ne trovate alcune. Con due bonus finali: uno per gli appassionati di politica americana, e uno con i regali suggeriti l’anno scorso per cui poi ho ricevuto più feedback positivi e ringraziamenti.

UE Megaboom
Questo coso è stato per me l’acquisto dell’anno. È uno speaker Bluetooth come tanti altri, ma a differenza della maggior parte degli altri: si sente davvero benissimo; la durata della batteria è quasi eterna; si abbina istantaneamente e senza difficoltà a qualsiasi dispositivo; è bello; è impermeabile, quindi ve lo portate in spiaggia, in piscina o sotto la doccia. Secondo molti si tratta del miglior speaker bluetooth oggi sul mercato.

ue-megaboom-product-photos-10C’è anche di altri colori eh.

L’arte di ricordare tutto, di Joshua Foer
Questo libro è un piccolo gioiello. Joshua Foer è un giornalista e scrittore. Qualche anno fa la rivista online Slate lo manda a raccontare uno di quei bizzarri campionati della memoria, dove si sfidano persone capaci di imparare in pochissimo tempo e poi snocciolare cose come una sequenza di mille numeri. Foer segue il torneo, fa le sue interviste, scrive il suo articolo per Slate, ma questa storia gli rimane appiccicata addosso e decide di scoprire se può farcela anche lui. Comincia a studiare le tecniche di queste persone e ad allenarsi per partecipare ai campionati dell’anno successivo. Arriverà in finale. In mezzo alla sua storia, e all’affascinante spiegazione delle tecniche di memorizzazione, ci sono molte riflessioni e informazioni sulla memoria e sulle cose che siamo capaci di fare senza saperlo. Esempio: un professore che studia la memoria per un anno scrive su un’agenda i dettagli di ogni sua giornata, cosa ha mangiato, com’era il tempo, cosa ha fatto, chi ha incontrato. A distanza di anni, della grandissima parte di quelle giornate ovviamente non ricorda quasi niente, come tutti: ma scopre che gli basta aprire l’agenda e leggere anche solo un paio di dettagli su un giorno a caso (una conversazione, una cosa che ha mangiato) per ricordarsi dell’intero episodio. Il nostro cervello immagazzina tutto: bisogna solo saper cercare.

Plantronics Backbeat Fit
Altro acquisto dell’anno per me: sono auricolari bluetooth da usare quando fate sport. Non cadono nemmeno dalle orecchie da cui cade qualsiasi auricolare, come le mie; l’abbinamento col telefono va sempre liscissimo; ci potete anche rispondere alle telefonate col fiatone. Sono considerati i migliori auricolari per correre.

Of thee I sing, di Barack Obama
Al vostro amico distrutto dalla nostalgia degli Obama regalate questo libro. È il terzo libro scritto da Obama dopo I sogni di mio padre e L’audacia della speranza, ed è il meno conosciuto: è un libro per ragazzi, tecnicamente, ma ben scritto e meravigliosamente illustrato.

tsol_a-1-440x293

I manuali “School of Life”, diretti da Alain De Botton
Di Alain De Botton, forse avete sentito parlare: per usare le parole del Post, «è un famoso scrittore svizzero che ha pubblicato libri tradotti in tutto il mondo ed è diventato noto come divulgatore – con linguaggi e argomenti efficaci e semplificati – dei temi più diversi: ha scritto libri sulla storia dei giornali, sul rapporto con l’arte, sul ruolo dell’architettura, su Proust, sul viaggiare, e altri ancora». Di recente se n’è parlato in Italia per via del suo nuovo romanzo – quello secondo cui tutti sposano la persona sbagliata – che ha presentato poi a settembre con Luca Sofri a Milano. Tra le molte cose che fa, De Botton dirige “School of Life“, una società che produce materiali culturali di ogni tipo – video, libri, articoli, corsi, eventi – che girano tutti attorno a un tema preciso, per quanto vago: “sviluppare l’intelligenza emotiva attraverso la cultura”. Tra le altre cose “School of Life” pubblica una serie di libri che sembrano dei manuali di auto-aiuto, di quelli che trovate in autogrill, ma con una differenza: sono scritti da importanti filosofi, sociologi, docenti universitari, scrittori, persone che hanno profondità intellettuali e competenze scientifiche.

Se siete tra quelli che non comprerebbero mai un libro intitolato Come invecchiare, avete tutta la mia comprensione e solidarietà; ma un libro intitolato Come invecchiare scritto da Anne Karpf, scrittrice, sociologa e giornalista pluri-premiata, secondo me vi può interessare. Un libro intitolato Come preoccuparsi meno dei soldi farebbe mettere anche a me la mano sulla pistola, ma se lo ha scritto John Armstrong? Come annoiarsi spiegato da Eva Hoffman? Avete presente quella cosa che si dice spesso con insopportabile solennità retorica, cioè che i libri e la filosofia insegnano a vivere e pensare? I libri di “School of Life” tentano di fare esattamente questa cosa. Non forniscono mai soluzioni ma modi per arrovellarsi, pensare alle cose che facciamo e a perché le facciamo. Altri titoli interessanti: How To Stay Sane, How To Develop Emotional Health, How To Deal With Adversity, How To Make A Home, How To Be Alone, How To Think About Exercise, How To Think More About Sex, che ha scritto lo stesso De Botton e che è purtroppo l’unico che trovate in italiano.

NES, Nintendo Classic Mini
Alleggeriamo: questa è l’unica console di videogiochi da regalare quest’anno. È la nuova versione di una delle più amate console di sempre: se la regalate a un trenta-quarantenne, preparatevi a vederlo con gli occhi lucidi.

– Atlas Obscura, di Joshua Foer, Dylan Thuras e Ella Morton
Un formidabile libro scritto e illustrato sui luoghi meravigliosi e sconosciuti del mondo, figlio di questo sito internet di grande successo. Per viaggiatori da divano, o progettatori di viaggi da divano.

– Philips Sonicare DiamondClean
È uno spazzolino da denti elettrico. Ma di quelli pazzeschissimi.

– Tre libri di arte contemporanea
Io sono un completo ignorante in materia, ma di recente sono stato alla Tate Modern di Londra e mi sono bloccato davanti a tre opere: una era di Bridget Riley, una di Gerhard Richter, una di Ed Ruscha.

schermata-2016-11-26-alle-12-50-21

Lo shampoo solido
Per gente che prende molti aerei: sono dei fogli che sotto l’acqua si sciolgono e diventano shampoo. Mai più sacchettini trasparenti e odiose boccettine da tirar fuori ai controlli di sicurezza.

– Cinque libri per andare a colpo sicuro
Sette brevi lezioni di fisica di Carlo Rovelli, il nuovo Harry Potter, Blankets di Craig Thompson, Kobane Calling di Zerocalcare, Eccomi di Jonathan Safran Foer.

Editorial Design: Digital and Print, di Cath Caldwell
Per appassionati di grafica e giornali, di carta e online. O per chi vuole spacciarsi come tale.

– Regali che non si toccano
Un abbonamento a Netflix, oppure a Spotify, oppure al New York Times.

– I regali consigliati l’anno scorso che vi sono piaciuti di più
36 Hours, il librone in italiano con le apprezzate guide turistiche del New York Times per chi vuole passare un singolo weekend in una città europea. Il mio amico termostato, naturalmente, col quale davvero non si sbaglia mai (altre informazioni qui). La batteria portatile definitiva. A sorpresa, i boxer.

– Libri per appassionati di cose americane
Questa fantastica raccolta di poster e manifesti dalle campagne elettorali del passato. Tre libri in inglese per chi vuole conoscere un po’ meglio cosa sta cambiando in America: White Trash di Nancy Isenberg, The Politics of Resentment di Katherine J. Cramer, Strangers in Their Own Land di Arlie Russell Hochschild. La felicità in America di Enrico Deaglio, altro vecchio e sempre valido consiglio di questo blog. E su Amazon ci sono le ultime quattro o cinque copie di Come si fa il presidente, un capolavoro ormai fuori catalogo.

Prego.

Link copiato negli appunti