Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Come uscire vivi dal voto sul Quirinale

Facciamo che siamo Renzi (ci abbiamo già provato una volta, a rileggerla adesso non è andata malissimo). Tra dieci giorni il Parlamento si riunirà per eleggere il nuovo presidente della Repubblica. Se sei Renzi, a questo giro ti giochi molto: non tutto, ma è una di quelle circostanze in cui se si mette proprio male può finire anche che ti giochi tutto. L’ultima volta che abbiamo provato a eleggere un presidente della Repubblica è stato un disastro tale da umiliare il più grande partito del paese, costringere il suo segretario alle dimissioni e il presidente della Repubblica uscente a fare quello che nessun altro prima di lui aveva fatto nella storia della Repubblica. Il Parlamento che si riunirà tra dieci giorni per eleggere il nuovo presidente della Repubblica è lo stesso di allora. Se avessimo il privilegio di occuparci di questa vicenda da osservatori esterni, senza le concretissime ansie legate al nostro concretissimo futuro, sarebbe un romanzo politico appassionante: un film.

La missione
Se sei Renzi, quindi, e sei il capo del governo e del più grande partito del paese e del Parlamento, nonché un politico piuttosto ambizioso che vuole avere ancora una lunga carriera, gli obiettivi di questa partita sono due: il primo, naturalmente, è riuscire a portare al Quirinale una persona degna di occupare quella carica; il secondo è arrivare vivo alla fine del processo, se non addirittura vincitore. Si tratta di un compito molto impegnativo, soprattutto perché quello che in questi mesi ha reso forte Renzi ora potrebbe ritorcersi contro di lui.

La minaccia
Renzi è da tempo sostanzialmente privo di rivali alla sua altezza, cioè rivali in grado di contendergli seriamente la guida del governo e/o del Partito Democratico: da quando ha accantonato Letta, per essere precisi, dopo che in modi diversi Bersani, Monti e Berlusconi si erano accantonati da soli. Il fatto che Renzi non abbia rivali alla sua altezza non vuol dire che non abbia rivali: ce li ha, sono deboli ma sono tanti. Ma se Renzi in questi mesi ha potuto tirare dritto, facendo solo le concessioni che ha deciso di fare, tirando la corda quanto ha voluto, è perché nessuno oggi può credibilmente rimpiazzarlo e convincere i deboli rivali di Renzi a venire allo scoperto, con la promessa di una vittoria. Il risultato stellare ottenuto dal PD alle europee ha consolidato questi rapporti di forza. Salvo poche eccezioni, la grandissima parte dei non renziani del PD si è rassegnata a votare tutto quello che Renzi ha proposto, dall’Italicum al Jobs Act alla riforma del Senato. Alternative non ce ne sono; leader credibili alternativi a Renzi non ce ne sono; di andare a votare per il momento non se ne parla: tocca aspettare che passi la nottata. Nel centrosinistra questo scenario non è niente di nuovo: basta ricordarsi come quasi tutti nel 2007 si schiacciarono su un opportunista sostegno a Veltroni, quando era indubbiamente la persona più forte e spendibile, e come lo mollarono due anni dopo per Bersani; come dal 2010 quasi tutti si schiacciarono su un opportunista sostegno a Bersani – persino Franceschini, che lo aveva sfidato alle primarie «per salvare il PD»! – e come molti dei bersaniani del 2010 oggi stiano con Renzi.

Insomma, i rivali di Renzi nel PD ci sono: e in questo Parlamento, eletto sulla base di liste compilate dal PD di Bersani, probabilmente sono pure più rappresentati di quanto effettivamente siano nel partito e nel paese. Sono deboli, sono incazzati, ingoiano rospi e accatastano sconfitte da tempo. Siamo arrivati al dunque: sono rivali che da mesi si danno appuntamento al voto sul presidente della Repubblica. Votare contro il Jobs Act o contro l’Italicum per indebolire Renzi sarebbe un’operazione politica molto delicata – vorrebbe dire oggi uscire dal PD, o quasi – che comporterebbe prendersi pubblicamente una grossa responsabilità e, particolare non da poco, andare incontro a un fallimento quasi certo. Il voto sul Quirinale è un’altra storia: è innanzitutto un voto segreto, di cui è possibile non prendersi alcuna responsabilità (chi sono i 101?), e l’importanza della posta in palio è tale da trasformarlo quasi in un voto di coscienza più che in una scelta politica. Tutti quelli che nel PD sono diventati renziani negli ultimi sedici mesi e con ogni probabilità smetteranno di esserlo al primo momento utile, insomma, potrebbero approfittare del voto sul Quirinale per indebolire, come minimo, un segretario oggi troppo potente.

Per questo ha ragione chi dice che Renzi deve per prima cosa assicurarsi di proporre un candidato che proprio non possa non essere votato da tutto il PD. Vale davvero la pena leggere cosa scrive su questo, tra le altre cose, Stefano Menichini. Non sarà facile trovare un candidato così e proporlo nel modo giusto, ma ecco che arriva il bello: anche se Renzi dovesse farcela, non basterebbe.

È il momento di parlare di numeri.

Le regole del gioco
Il Partito Democratico può contare in teoria su 307 voti alla Camera, 108 al Senato, circa 27-32 delegati regionali, una manciata (forse) di senatori a vita. In totale fa, se proprio va benissimo, 450. Ma saranno probabilmente di meno, 430 o 440: qualcuno per strada si perde sempre e io per esempio dubito che i civatiani voteranno il candidato di Renzi. Per eleggere il presidente al primo scrutinio ci vogliono 672 voti, dal quarto ce ne vogliono 505. Ricapitolando: anche se Renzi riuscisse a trovare il candidato magico, quello capace di raccogliere i voti di tutto il PD, anche di quelli a cui non piace il suo governo, anche di quelli che lo detestano, anche di quelli che non vedono l’ora di vederlo inciampare, non basterebbe. Il vero candidato magico deve trovare tutti questi voti e anche altri, fuori dal PD.

Se sei Renzi, per essere sicuro di farcela alle brutte al quarto scrutinio, devi intanto arrivare vivo al quarto scrutinio – i primi tre non sono indolori, chiedere a Bersani – e poi trovare almeno 80-100 voti fuori dal PD per il tuo candidato. Per farcela al primo scrutinio, invece, di voti fuori dal PD ne servono più di 200. Cominciamo dal dire che i voti di SEL sono più o meno 30. Resuscitare la coalizione del 2013 – quello che vorranno fare i civatiani, probabilmente – insomma servirebbe solo a ottenere lo stesso risultato del 2013: un fallimento. I voti di NCD-UdC sono invece, stando larghi, circa 70: da soli non bastano neanche quelli. Per quello che abbiamo imparato negli ultimi due anni, i voti di SEL e quelli di NCD si escludono a vicenda. Ci sono tre strade per ottenere i 100 voti (almeno) che servono a Renzi. Sono una più stretta dell’altra.

Lo scenario fuori di testa
Affrontiamolo subito, questo scenario estremo: il PD potrebbe unire le sue forze con quelle del Movimento 5 Stelle, che ha circa 135 voti. È uno scenario ai limiti dell’impossibile, non credo serva argomentare. Né Renzi né Grillo sembrano averne alcuna intenzione, andrebbe contro tutto quello che abbiamo visto negli ultimi due anni. Quello che potrebbe succedere, semmai, se quelli del M5S fossero lucidi, furbi e compatti (non lo sono), sarebbe un voto del M5S per Romano Prodi ai primi scrutini nel tentativo di dividere il PD, indebolire Renzi e il suo candidato magico. Se Prodi si prestasse a un’operazione così spregiudicata (è un grosso se) e se Renzi dovesse arrivare masticato à la Bersani al quarto scrutinio – magari dopo aver visto schiantarsi uno o due dei suoi candidati nei primi tre scrutini, col partito spaccato, la base-in-rivolta, etc – non si potrebbe escludere a quel punto una disperata convergenza del PD su Prodi. Per Renzi – e le sue riforme, il patto del Nazareno, etc – sarebbe probabilmente l’inizio della fine.

Lo scenario “del Nazareno”
È apparentemente il più logico e naturale. Renzi e il PD hanno già un rapporto di dialogo e collaborazione con un pezzo dell’opposizione per quelle riforme che Renzi chiama “le regole del gioco” – la legge elettorale, le riforme costituzionali – e quel pezzo dell’opposizione è anche l’unico disposto a parlare davvero col PD. Quel pezzo di opposizione si chiama Forza Italia e dovrebbe avere circa 130-140 voti. In più, quell’accordo politico – il cosiddetto “patto del Nazareno” – è stato contratto anche con NCD-UdC, che possono contare su circa 70 voti, e pure con Scelta Civica o quel che ne resta. Riuscire a ricalcarlo consentirebbe a Renzi di farcela già al primo scrutinio. Ma qui la strada si fa strettissima, per due motivi.

Primo: come ha spiegato Menichini, è molto rischioso proporre un candidato che sia espressione esplicita del “patto del Nazareno”. Secondo: è difficile trovare un candidato in grado di ottenere – col voto segreto! – sia i voti degli avversari di Renzi nel PD che i voti di Berlusconi. È possibile anzi che per alcuni degli avversari di Renzi nel PD il solo fatto che un candidato possa ottenere il sostegno di Forza Italia sia una ragione sufficiente per non votarlo. Terzo: se questo Renzi all’apice della sua leadership non sa se riuscirà a tenere unito il suo partito, pensate possa farlo Berlusconi con Forza Italia? Il “patto del Nazareno” è tra le altre cose la ragione che tiene in vita Berlusconi come leader del centrodestra: anche i suoi molti rivali interni avrebbero solo da guadagnare dalla rottura dell’accordo con Renzi. Oggi sono troppo deboli per venire fuori allo scoperto, ma col voto segreto perché dovrebbero fare quello che gli dice Berlusconi? Per farsi ricandidare la prossima volta? Ma sarà ancora Berlusconi il capo del centrodestra, la prossima volta? Due mesi fa, dopo il disastro alle regionali, i giornali scrivevano che ormai metà dei parlamentari di Forza Italia era passata con Raffaele Fitto. Forse esageravano, ma prima o poi questa transizione avverrà: accadrà stavolta? Renzi vuole scommetterci? A questo proposito segnalo cosa è successo sabato: Brunetta ha criticato Renzi, Berlusconi ha difeso Renzi e ha sgridato Brunetta. Rileggete bene quest’ultima frase. Io credo che Renzi forse possa fare il capolavoro politico di mettere d’accordo tutto il PD su un candidato e farsi dare anche un sì da Berlusconi; ma considero un vero azzardo scommettere sulla capacità di Berlusconi di controllare i parlamentari di Forza Italia. Quel partito non esiste più.

Lo scenario Pollicino
Fuori dal M5S, fuori da Forza Italia, persino fuori da NCD-UdC, ci sono comunque un centinaio di voti. Li mettono insieme Scelta Civica, Per l’Italia, GAL e Per le autonomie. Poi ci sono i 52 parlamentari iscritti al gruppo misto. In teoria sarebbero abbastanza da eleggere largamente il presidente della Repubblica al quarto scrutinio, ma come si fa a stringere un accordo con tutti questi soggetti? Con quanta gente dovrebbe parlare Renzi? Cosa dovrebbe promettere? E anche lì, che garanzie ci sono che gli ignoti parlamentari di “Grandi Autonomie e Libertà” votino compatti nonostante lo scrutinio segreto? La soluzione allora è forse parlare con tutti e sperare che dopo aver votato ne siano rimasti abbastanza: se fossi Renzi, almeno, questa è la strada che tenterei di percorrere (ribadisco il “se fossi Renzi”: non è un auspicio, è un’analisi).

Il gran finale
Ricapitoliamo.

Primo: trovare il candidato magico, quello che ottenga con ragionevole certezza tutti i voti del PD.

Secondo: trovare su quel candidato un accordo politico con NCD-UdC e con Forza Italia.

Terzo: assicurarsi che quel candidato abbia un profilo tale da essere considerato attraente per un pezzo dei parlamentari di Scelta Civica, Per l’Italia, GAL, Per le autonomie e Gruppo misto, parlare con quelli con cui bisogna parlare anche in questi gruppetti.

Quarto: aspettare il quarto scrutinio. Nei primi tre cincischiare, prendere tempo, senza drammatizzare: fare esattamente come fu fatto nel 2006. Lanciare un candidato senza avere la certezza di ottenere i 672 voti richiesti sarebbe un rischio potenzialmente suicida. Aspettare conviene anche a Berlusconi, che vuole stare con chi vince e non vuole dare possibilità di far danni ai suoi oppositori interni (nota: Renzi ha detto che farà un nome prima del primo scrutinio. Vediamo. Se prova al primo scrutinio rischia grosso; se ce la fa sbanca).

Quinto: lanciare il candidato magico al quarto scrutinio. Incrociare le dita e sperare che di 780 voti potenziali ne restino almeno 505.