Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Meraviglie della cronaca locale

vezzosi

Ho letto questa storia oggi sulla Sicilia. C’è una donna di 35 anni che ha avuto una breve relazione con un noto cantante neomelodico. Da questa relazione è nato un bambino che il cantante neomelodico non vuole riconoscere, malgrado le richieste della donna. La donna allora fa causa al cantante. Il cantante un giorno minaccia la donna con un coltello: così dice la donna e così dice anche un uomo di 41 anni che dice di essere stato testimone dell’aggressione e conferma la versione della donna.

Un giorno l’uomo viene picchiato, va in coma. Quando si sveglia dice che chi lo ha picchiato lo ha fatto per punirlo, a causa della sua testimonianza, e dice che il mandante del pestaggio è il noto cantante neomelodico di cui sopra. Non solo: quando si sveglia dice che mentre era in coma ha visto una bambina morta chiedergli un fiore. L’uomo allora inizia a prendersi cura – e lo fa sapere alla stampa locale – del cadavere mummificato di una donna morta oltre cento anni fa, che ha trovato al cimitero di Catania.

«Appena ho visto le condizioni in cui era ridotta la cappella – dichiarò al nostro giornale – sono scoppiato a piangere e ho cominciato a pulire: ho riempito due sacchi con calcinacci, escrementi di uccelli, ma anche spilli, carne putrefatta e pupazzetti infilzati, evidenti segni di messe nere». La bara di cristallo era devastata e i lucchetti della cappella rotti, segno degli scarsi controlli all’interno del cimitero. Allora Bombaci si «impossessò» di quella mummia incustodita: le fece lo shampoo a secco, le lavò i denti e il corpo, ponendovi accanto bamboline e fiori di plastica; di fatto si trattava della profanazione di una sepoltura, un reato penale, ma Bombaci forse non lo sapeva, per cui, fatta salva la presunta buona fede, non fu denunciato.

Comunque alla fine anche l’uomo fa causa al cantante neomelodico, accusandolo di essere il mandante della sua aggressione. Sia l’uomo che la donna si fanno difendere da un’avvocatessa – “caritatevole e generosa”, dice l’articolo – che nel tempo si fida dell’uomo e della donna al punto da lasciar loro le chiavi di casa, perché accudissero il suo cane mentre lei lavorava. La casa però viene svaligiata, i ladri rubano gioielli e monili per 40.000 euro. L’avvocatessa sospetta qualcosa (buongiorno) e chiede ai due di restituire i gioielli. Loro nicchiano, si contraddicono, poi ammettono di averli rubati ma dicono di non poterli recuperare perché li hanno già venduti. Effettivamente la donna li aveva venduti 1.000 euro per volta facendosi il giro dei negozi compro-oro. L’uomo e la donna dicono allora all’avvocatessa: beh, ma basta ricomprarli. Però i soldi ce li metta lei. L’avvocatessa finge di acconsentire, prende appuntamento con l’uomo e la donna, chiama la polizia che arriva all’appuntamento e li arresta.

La polizia trova nella borsa dell’uomo “un libro di contenuto satanico e un’ampolla con dentro del liquido seminale”, mentre nel portafoglio della donna “un foglio di carta con strani segni impressi con sangue (non si sa se umano o animale)”. Ora i due sono in carcere per furto, ricettazione e tentata estorsione. Alla fine, fatto il test del DNA, il figlio della donna è effettivamente del cantante neomelodico.