Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Cambiamoli questi benedetti elettori (cit.)

Davide Zoggia è il responsabile degli enti locali della segreteria del Partito Democratico. Commentando il risultato delle elezioni in Molise, Zoggia ha detto che «il risultato conseguito dalla lista Beppegrillo.it ha colpito il centrosinistra, impedendogli di ottenere una storica vittoria». Chi legge questo blog sa quanto profondamente io detesti Beppe Grillo. Ma le parole di Zoggia mi sembrano indice di analfabetismo politico. Analfabetismo tra l’altro speculare – ecco che torna il neobertinottismo della segreteria del PD – a quello di chi si arrabbiò col PD di Veltroni per avere prosciugato i voti della cosiddetta sinistra radicale. Accusare un partito di aver rubato i voti a un altro partito è una cosa fuori dal mondo. Le campagne elettorali servono a cercare di farsi votare da chi prima non ti votava. Si possono fare bene o male, correttamente o scorrettamente, e ognuno se ne prende la responsabilità davanti a se stesso e agli elettori. Ma questo sono: cercare di convincere e conquistare sostegno e consensi. Il PD non ha rubato voti al centrodestra o al Movimento 5 Stelle perché non ci è riuscito, non perché non ha voluto. La “storica vittoria” è stata impedita al centrosinistra dal non aver preso abbastanza voti, banalmente. E dare la responsabilità della propria sconfitta a chi ha osato votare qualcun altro non è proprio la più intelligente delle strategie per recuperare il terreno perduto.