Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Quattro aggiornamenti sulle primarie repubblicane

Gli ultimi giorni sono stati particolarmente importanti in vista dell’inizio delle primarie repubblicane, per quattro ragioni.

La prima ragione è che Chris Christie, il governatore repubblicano del New Jersey, ha detto una volta per tutte che non si candiderà: e quindi a questo punto possiamo essere ragionevolmente certi che non arriveranno altri candidati e che la squadra è chiusa (non credo a una candidatura di Sarah Palin, per quanto questa farà capire di provarci fino all’ultimo secondo utile per ragioni di promozione di sé, né di Giuliani).

La seconda ragione è che è venuta fuori la mediocrità di Rick Perry, soprattutto nei dibattiti, e oggi l’ex frontrunner precipita nei sondaggi, sorpassato persino da Herman Cain. Cain è un candidato molto strano, simbolo di questa campagna molto strana: in Iowa potrebbe piazzarsi bene ma è un altro fuoco di paglia. Anche Perry potrebbe far bene e persino vincere in Iowa, specie se Michele Bachmann non si riprende, perché l’Iowa è sempre stato uno Stato favorevole per i candidati dal messaggio più populista (nel 2008 vinse Huckabee). In New Hampshire però Romney ha un vantaggio che oggi sembra incolmabile, e quello al contrario è uno Stato molto meno abbordabile per candidati col profilo del governatore del Texas.

La terza ragione è che il calendario elettorale si avvia alla definizione: la Florida ha deciso di spostare le sue primarie alla fine di gennaio, dando così modo di anticipare anche a Iowa, New Hampshire, Nevada e South Carolina. Risultato: i caucus in Iowa si terranno nella prima settimana di gennaio, le primarie in New Hampshire otto giorni dopo, poi dopo quattro giorni si terranno i caucus in Nevada e il 21 gennaio le primarie in South Carolina. Poi a febbraio il supertuesday e a quel punto potremmo già avere un candidato.

La quarta ragione è che con la fine di settembre si è chiuso il terzo quadrimestre finanziario per le campagne dei singoli candidati, che nel giro di pochi giorni dovrebbero comunicare quanto hanno raccolto. Cose da tenere d’occhio: chi ha raccolto più soldi tra Romney e Perry; chi ha raccolto più soldi tra Bachmann, Paul e Cain nella sfida dei terzi incomodi; i numeri di Obama soprattutto tra i cosiddetti small donors, per vedere come la base dei suoi sostenitori – nonché la sua più grande risorsa economica – ha reagito a un quadrimestre politicamente pessimo.