Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Brutte notizie su Burger King

La svolta rammollita e salutista di Burger King, paventata qualche giorno fa, è definitivamente realtà. Guardate questo nuovo spot del Whopper.

Verdura. Il video comincia con la verdura, prosegue con la verdura e si conclude con la verdura. Bella, fresca, salutare. Dei 32 secondi totali di durata dello spot, il bacon e l’hamburger appaiono in appena tre. Il resto è tutto pomodoro, lattuga, cipolla, tutto freschissimo, banalissimo e mortalmente noioso. Che peccato. Qualche giorno fa Stefano, in un commento a questo blog, aveva fornito una ricostruzione da insider della svolta a Burger King.

Burger King è una storia interessante:

– i vecchi spot erano stati fatti dall’agenzia creativa di gran lunga migliore al mondo, sulla base di una strategia di marketing di controposizionamento a Mac, dedicata tutta ai clienti più fedeli e porci (in senso buono, tipo il proprietario di questo blog)

– i manager dei punti vendita sono sempre stati contrari a questa strategia, perchè vedevano che McDonald puntava su insalate e prezzi bassi, e volevano fare la stessa cosa. Hanno insistito a lungo finchè alla fine l’hanno spuntata, anche grazie alla crisi finanziaria di BK che non reggeva più la struttura di costi (il vero problema, che non aveva a che fare con il gradimento del prodotto)

– è arrivato un nuovo management che ha cambiato strategia e ha deciso di fare il copiaincolla di McD. A quel punto l’agenzia pubblicitaria ha chiarito che a quelle condizioni non sarebbe stata interessata ad andare avanti a lavorare, e li ha scaricati. (Caso sostanzialmente unico nel mondo pubblicitario).

– Quando ero in Italia ho contributo alla strategia di posizionamento suina (l’avevamo chiamata “shameless”) e dava buoni risultati. Mò vediamo…