Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Huntsman, la destra e la sinistra

Qualche giorno fa Andrea Mancia ha scritto su Right Nation un pezzo riguardo Jon Huntsman e le attenzioni che sta ricevendo dai media statunitensi ed europei. Mancia cita anche un mio articolo e sostiene che i giornalisti sono “pazzi per Jon Huntsman” perché questo, nonostante sia repubblicano, ha posizioni superficialmente classificabili come “di sinistra” su questioni come i diritti civili o la lotta al riscaldamento globale.

“Non c’è niente che piaccia di più alla sinistra di qualcuno, formalmente di destra, che parla e pensa come uno di sinistra”

Per quel che mi riguarda, non sono “pazzo per Jon Huntsman”. Non mi fa impazzire, politicamente. La ragione per cui ho scritto di lui più di qualsiasi altro candidato alle primarie repubblicane è giornalistica: quella di Jon Huntsman mi sembra l’unica storia interessante da seguire a raccontare in un parterre di candidati di inedito grigiore e mediocrità. Le famigerate posizioni “di sinistra” di Huntsman, poi, sarebbero state ortodossamente repubblicane appena quattro o cinque anni fa, quando Pawlenty era un gran sostenitore della tassa sulle emissioni di CO2 e Romney veniva esaltato per la sua riforma sanitaria dall’impianto saldamente di destra. Tant’è che Huntsman ha fatto per due volte il governatore di uno degli Stati più bianchi e conservatori degli Stati Uniti, lo Utah, con percentuali di gradimento da capogiro: all’epoca ci sarebbe voluto un bel coraggio per definirlo un democratico sotto mentite spoglie. Le accuse di tradimento dell’ortodossia in un partito che vorrebbe rappresentare la maggioranza di un paese complicato e gigantesco sono secondo me autolesioniste, nonché tipiche degli estremisti. Jon Huntsman ha più possibilità di vincere le primarie repubblicane di quante ne abbia Michele Bachmann di diventare presidente degli Stati Uniti, per capirci.

(questo post avrebbe potuto parlare anche di: guarda dov’è finito l’ultimo politico americano di cui giornalisti erano accusati di essere “innamorati”, ricorda dov’era messo nei sondaggi quel politico americano nel giugno 2007, secondo me anche quel politico americano alle primarie repubblicane tifa contro Huntsman)