Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Cameron

Ha fatto capire chiaramente di essere più orientato a un governo di minoranza, rispetto a un’alleanza con i libdem. Ha tenuto loro la porta aperta, sì, ma rivendicando tutti i punti del suo programma che lo separano da Clegg: su tutti l’atteggiamento nei confronti dell’Ue, la politica di difesa e l’immigrazione. Poi ha parlato di legge elettorale: ha detto che il first-past-the-post non si tocca e ha proposto una commissione apposita per studiare il problema ed elaborare una proposta. Io dico che si allea con gli unionisti del DUP e forma un governo di minoranza, cercandosi i voti in parlamento volta per volta. Non può durare molto – ma il primo ministro può indire nuove elezioni quando vuole – ma si può fare. D’altra parte, però, potrebbe aver fatto questo discorso per mostrare a Clegg che è pronto a governare anche senza di loro, per trattare da una posizione di forza.