Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

A lavorare

A saperli fare, gli exit poll funzionano. Non sono perfetti, hanno larghi margini di errore ma riescono a indicare tendenze e avere qualche fondamento. Non è normale che otto o nove punti di (prevedibile) astensionismo facciano saltare tutto: se succede, è perché non hai saputo fare il tuo mestiere – che, come abbiamo scoperto nel 2006, per non parlare delle ultime regionali in Sardegna, per molti consiste semplicemente nel tirare a indovinare. Per dire: se il cambiamento repentino delle dimensioni dell’elettorato – boom dell’astensionismo o dei votanti – condizionasse gli exit poll al punto da renderli inaffidabili, alle ultime presidenziali americane non ne avremmo letti. Invece li abbiamo letti, ed erano affidabili. Perché? Perché li sanno fare.