Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

In business

Primi venti minuti centrati solo sull’economia, sulla strada ancora da fare e le cose fatte finora, specie in termini di lotta alla disoccupazione e creazione di nuovi posti di lavoro. Grande elogio del Recovery Act, ovvero la legge di stimolo all’economia il cui numero dei critici è cresciuto enormemente negli ultimi tempi. Stupisce sempre il clima del congresso in queste occasioni: urlano come dei cazzoni allo stadio, si lasciano andare a lunghissimi applausi e finora nessuno ha urlato “You lie” a nessun altro. La notizia? Il 2010 sarà “l’anno del lavoro”, annunciata una legge sulla creazione di posti di lavoro basata su sussidi e incentivi finanziati grazie alla tassa su Wall Street.