Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

links for 2010-01-19

  • Naturalmente sono una peggio dell'altra
  • "It’s often forgotten now, but unemployment actually soared after Reagan’s 1981 tax cut. Reagan, however, had a ready answer for critics: everything going wrong was the result of the failed policies of the past. […] Mr. Obama could have done the same — with, I’d argue, considerably more justice. […] But he didn’t. […] Mr. Obama has allowed the public to forget, with remarkable speed, that the economy’s troubles didn’t start on his watch. […] So what comes next? At this point Mr. Obama probably can’t do much about job creation. He can, however, push hard on financial reform, and seek to put himself back on the right side of public anger by portraying Republicans as the enemies of reform — which they are. And meanwhile, Democrats have to do whatever it takes to enact a health care bill. Passing such a bill won’t be their political salvation — but not passing a bill would surely be their political doom".
  • "La crisi ha colpito chi era rimasto ai margini: il lavoro dipendente meno qualificato e quello in settori già in difficoltà; i lavoratori più deboli di tutti: i precari. Dai giornalisti ai commessi, passando per qualsiasi categoria occupazionale, all’ingrosso: quelli con meno di quarant’anni. Sulle loro spalle, negli ultimi quindici anni, la politica e i sindacati hanno scaricato i costi delle follie economiche degli anni ‘80. Senza presente e senza prospettive di pensione, sono costretti in una flessibilità selvaggia e oggi, senza voce e senza rappresentanza, vedono assottigliate le speranze che derivavano da un contratto semestrale. Si spiega così anche la lentezza della politica che reagisce solo davanti alle forme organizzate di rappresentanza, da cui i lavoratori precari sono esclusi".