Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

La spirale della scemenza/2

Niente, la spirale della scemenza non conosce fine. La palma dell’idiozia 2009 – prima di Massimo Tartaglia, poi di chi ne ha fatto un eroe, poi di chi ne ha approfittato per minacciare il filtraggio di internet – ora è saldamente nelle mani di chi sostiene che l’intera aggressione sia stata una montatura, un complotto. Così come era un altro singolare complotto il fatto che ieri Google censurasse foto che stavano dappertutto – comprese nelle news e nei siti indicizzati dalla stessa Google – e che gli stessi berlusconiani hanno dimostrato di non avere alcun interesse né intenzione a nascondere, anzi. Mancano ancora due settimane alla fine dell’anno, vediamo chi riesce a fare di peggio

(hat tip: Wittgenstein)