Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

links for 2009-10-14

  • "Blair è il presidente perfetto per l’anemica Unione europea perché è dotato di leadership culturale e di spirito innovativo e di capacità di condurre grandi battaglie ideali, etiche e morali. Blair non ha soltanto svecchiato la sinistra britannica, europea e mondiale, rendendola finalmente moderna, liberale e di nuovo appetibile per la maggioranza degli elettori, ma ha costretto anche la destra, i conservatori, a rinnovarsi, ad aprirsi al mondo della globalizzazione e a modificare l’ortodossia ideologica di un tempo".