Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Il gran finale

In queste ore si sta decidendo la forma che avrà il congresso del Pd previsto per domenica prossima. Le voci si rincorrono ma la cosa più probabile, in questo momento, è che le assise si riducano ai tre interventi dei tre candidati a segretario. Parla Bersani, parla Franceschini, parla Marino, tutti a casa. Sarebbe una scemenza, che andrebbe a svantaggio degli elettori e degli iscritti e a vantaggio di chi da mesi dipinge le primarie come il grande mostro che ha svuotato la democrazia e le strutture del partito. Niente impedisce al Pd di fare un congresso degno di tal nome, con un dibattito e un confronto che siano utili a noi e a chi deve ancora decidere chi votare. Certo non lo impediscono le primarie.