Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

links for 2009-08-25

  • "La rivoluzione liberale sarebbe accettare l'idea che l'individualismo non è sinonimo di egoismo sociale. Mentre da noi la sinistra si trova a suo agio solo con i grandi soggetti collettivi e organizzati, rispetta e teme soltanto ciò che comincia per Conf, dalle Confederazioni sindacali alla Confindustria, dalla Confcommercio alla Confesercenti. Ma non sa nulla di tutti coloro – e in Italia sono molti di più che negli altri Paesi europei – che ogni giorno si muovono nella giungla della società allo stato brado, contando solo su se stessi, senza nessuna Conf che copra loro le spalle. I piccoli: piccoli imprenditori, piccoli risparmiatori, piccoli proprietari di case, piccoli commercianti, piccoli artigiani. È per questo che, mentre la sinistra vive di nostalgia del Noi, l'Io degli italiani è finito ostaggio del Super-Ego di Berlusconi. Triste epilogo per la sinistra, certo; ma più ancora per l'Italia".
  • "La rimozione delle questioni politiche vere, e un revisionismo generazionale tanto opportunista quanto dilettantesco in cui si sono cimentati, a turno, tutti i dirigenti di sinistra dopo l’89, hanno contribuito a seppellire le caratteristiche profonde e feconde del PCI, lasciando spazio a sterili improvvisazioni e patetiche nostalgie".
  • Secondo me ha perso troppo la faccia con le primarie dell'anno scorso, ma hai visto mai. Certo meglio lui di Rick Lazio, quello che prese la mega scoppola da Hillary nel 2006.
  • Il Foglio ha scritto parecchio di questa storia, negli ultimi mesi.
  • Bar da evitare a Milano, specie se sei straniero.
  • "The crisis shaking media houses across the world has made no exception for Italy. In a country where layoffs are all but forbidden, more than 500 journalists are expected to lose their jobs in September. Yet the demand for a different type of reporting remains striking. Last fall, I attended a festival of international journalism organized by the magazine Internazionale, a weekly compilation of foreign news sources. Attendees overflowed the auditoriums, then sat in the piazzas to listen to the proceedings over loudspeakers. In an era of plunging circulation, sales of Internazionale grew 25% last year. "The people who stop buying papers aren't people who don't want information any more," says the title's editor in chief Giovanni De Mauro. "They're people looking for a different type of information." In Italy, at least, publishers looking to save their papers could start by satisfying readers' hunger".