Qualcuno si è fatto un po’ prendere la lingua

Rettifica: vedi qui

Se non fosse un tristissimo esempio di quel giornalismo che a stento sopportiamo di vedere in Birmania e in Corea del Nord, quello è successo stasera al Tg1 farebbe persino sorridere. Però è enorme e sconcertante, e stupisce fino a quanto possa spingersi un gruppo di galoppini desiderosi di fare un favore al potente di turno e di ingraziarsi il nuovo direttore (che deve ancora arrivare). Il Tg1 ha appiccicato il simbolo del Pdl accanto al faccione di Berlusconi, contraffacendo il video dell’intervista concessa alla Cnn pur di confezionargli uno spot elettorale. Gratis, sulla tv di stato e nella fascia di massimo ascolto. Ci hanno messo pure l’ombra finta dietro, così che magari qualcuno potesse pensare che il simbolo del Pdl nuotasse nel vuoto. Per chi vuole verificare, qui c’è l’intervista originale della Cnn, qui il video contraffatto dal Tg1. Non ci sono parole, veramente.