Pubblicità progresso

Succedono cose peggiori e non voglio trasformare questo posto in uno sfogatoio da associazione dei consumatori, quindi lo scrivo solo registrare la mia sfortuna coi treni: stanotte ho viaggiato sulla famigerata Freccia del sud. Treno lercio, nessun vagone ristorante, quattro ore di ritardo, tredici ore totali di tratta notturna senza riscaldamenti, quindi di fatto a tremare di freddo. E sembra che il massimo che potrò avere è il risarcimento di metà del biglietto, per giunta in forma di buono per il prossimo biglietto che acquisterò.

Per bilanciare l’effetto “signora mia” di quanto sopra, vi racconto però che una volta tornato a casa avevo un piccolo problema con la mai abbastanza encomiata Dreamhost, la società americana che fornisce il servizio di hosting di questo blog. Ho mandato un’email e mi hanno risposto, come accade praticamente sempre, dopo tre minuti: praticamente una chat in tempo reale. Ovviamente il problema è stato risolto istantaneamente.