Francesco CostaWhen in trouble, go big

Francesco Costa

When in trouble, go big

BLOG

Quelli che hanno capito tutto

Copia link

17/10/2007

Ne hanno già parlato altri, ma riporto ugualmente qui sotto il breve fondo di Edmondo Berselli su Repubblica del 15 Ottobre. A futura memoria. Quante persone conosco che corrispondono esattamente a questo identikit.. loro sì che la sanno lunga.

Se i perfettisti fanno oh
I “perfettisti” sono i seguaci del “perfettismo”. Ad esempio quelli che non sono andati a votare per le primarie del Pd perché il nuovo partito non era abbastanza liberale, socialista, popolare, democratico, insomma perché non era perfetto. Sono quelli che sono disposti a dimenticare le tristi necessità del presente in vista di un futuro che sarà molto migliore e forse anche molto più futuro. Sono le vittime di una malattia inguaribile per la cultura della sinistra. Dove conta essere “scomodi”, dove importa manifestare “disagio”, dove conviene mostrarsi “mai soddisfatti”. I perfettisti, sempre preda di quella nevrosi che è un peccato anche per la fede, in quanto «sacrifica i beni presenti all’immaginata futura perfezione» (Rosmini). Per il perfettismo la socialdemocrazia è un’abdicazione, il gradualismo è una rinuncia, le libertà borghesi sono formali, le riforme sono banali. Sono sempre i migliori, i perfettisti: chiusi nella loro orgogliosa sicurezza, sicuri di possedere la verità. Poi certe volte arriva il popolo, che a forza di schede travolge le aspettative. E allora potrebbe anche capitare di vedere gli idolatri della perfezione spalancare la boccuccia per la sorpresa: perché qualche volta anche i perfettisti fanno “oh”.

Link copiato negli appunti