Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

La California è di chi ci vive (42/50)

cc_2Quando a marzo sono andato in Michigan, sapevo più o meno cosa avrei trovato. Quando a giugno sono andato in Texas, molte cose mi avevano stupito, ma le cose che mi avevano stupito avevano preso forma davanti a me in modo evidente. La California invece mi ha spiazzato, e ci ho messo un po’ a capirla, sempre che alla fine ci sia riuscito. È un posto che si mostra e si nasconde insieme, con i ricchi più ricchi e i poveri più poveri, con l’agricoltura fiorente accanto all’industria più innovativa del mondo, con una popolazione in gran maggioranza di sinistra ma che guarda a ogni governo federale con qualche distacco e fastidio. La California ha tante identità mescolate, e ci sono posti e persone della California che una vera identità, al primo sguardo, sembrano non averla. Oggi viene descritta così: il centro della resistenza contro Donald Trump. Ma è davvero molte più cose, e ho cercato di raccontarvele con l’episodio del podcast di questa settimana.

Prima di venire alla puntata, però, qualche appuntamento e segnalazione:

– stasera (sabato 4 novembre) alle 23.30 su Raidue va in onda una puntata del Tg2 Dossier sul primo anno di Trump alla Casa Bianca, e dentro ci sarà anche una mia intervista.

– mercoledì 8 novembre, a un anno esatto dalle elezioni, faccio un bilancio di quello che è successo (e del perché è successo) a Milano, alle 21.

– domenica 12 novembre alle 16 a Pescara faccio una specie di puntata live di “Da Costa a Costa”, nell’ambito del FLA e di una ricca sezione di eventi curata dal Post. Se potete, vi consiglio davvero di fare un salto a Pescara e passarci l’intero weekend.

Ora veniamo a noi. Per ascoltare la nuova puntata del podcast, se avete un iPhone cercate “Da Costa a Costa” nell’app “Podcast”; altrimenti cliccate play qui sotto per ascoltarla su Spreaker. Se volete, dopo aver ascoltato la puntata lasciate una recensione su iTunes e parlatene sui social network o a chi pensate possa essere interessato a queste storie come voi. Sul sito di Piano P trovate la traduzione in italiano delle parti in inglese.

Ascolta “S2E20. La California è di chi ci vive” su Spreaker.

Vuoi dare una mano?
Avete ricevuto questo podcast gratis, come la newsletter che riceverete la settimana prossima, ma come avete capito realizzarli non è gratis: servono aerei, macchine, camere d’albergo, attrezzature, telefonate, connessioni internet, abbonamenti a servizi e giornali, e serve soprattutto tempo e lavoro. Dopo un anno e mezzo a seguire la campagna elettorale, “Da Costa a Costa” è ripartito il 21 gennaio e andrà avanti fino alla fine del 2017: ogni sabato si alterneranno una newsletter e una puntata del podcast. Dopo il Michigan (uno e due) e il Texas (uno e due) sono tornato un’altra volta negli Stati Uniti, in California, per raccontarvi un altro pezzo di America, per cercare di capire come sta cambiando e perché ha scelto Donald Trump come suo presidente. È anche un tentativo di provare un nuovo modello per sostenere un’attività giornalistica: pagano i lettori se e quando vogliono, e vediamo che succede.

Se non lo avete già fatto – e centinaia di voi lo hanno già fatto: grazie di cuore! – vi chiedo quindi di valutare la possibilità di fare una donazione ricorrente da pochi euro al mese per pagare le spese di questo progetto e il mio lavoro. Due euro al mese vanno benissimo (24 euro per tutto l’anno) ma se vorrete essere più generosi non ve lo impedirò, così come se vorrete fare una donazione una tantum e togliervi il pensiero. Più fondi raccoglierò, più cose potrò vedere negli Stati Uniti e più cose potrò raccontarvi come ho fatto fin qui. Se vi interessa, qui trovate le istruzioni per fare una donazione in completa sicurezza, usando la vostra carta di credito o il vostro conto Paypal. Grazie, come sempre. Ciao!

Per ricevere le prossime newsletter, ogni sabato fino alla fine dell’anno, clicca qui.