Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

L’inchiesta sulla Russia punta al bersaglio grosso (35/50)

cc_2La settimana scorsa per la prima volta in più di due anni è saltata l’abituale puntata settimanale di “Da Costa a Costa”; questa settimana per la prima volta in più di due anni non sono riuscito a rispondere a tutte le vostre email. Mi avete letteralmente sommerso di messaggi calorosi e affettuosi, pensieri gentili e auguri di pronta guarigione: valga soltanto per questa volta allora un unico ringraziamento collettivo, di vero cuore. Mi ci vorrà ancora un po’ per tornare al cento per cento, come dicono i calciatori, ma sto molto meglio, e mi dispiace se vi ho fatti preoccupare.

La prova che sto molto meglio – così chiudiamo la parentesi personale, e veniamo a noi – è la puntata del podcast di questa settimana, che affronta un tema che negli ultimi tempi era finito un po’ in ombra. Il punto è che questa storia si muove sottotraccia, non passa attraverso i comizi, le proposte di legge, le dichiarazioni di voto e le conferenze stampa, bensì dalle occasionali fughe di notizie e voci di corridoio che arrivano ai giornalisti: quindi a volta capita che non se ne senta parlare per un po’, ma questo non vuol dire che sia tutto fermo, anzi. Sto parlando dell’inchiesta sulla Russia, naturalmente, su cui questa settimana sono venute fuori alcune novità molto interessanti: suggeriscono che gli investigatori stiano cercando e trovando riscontri in modo molto aggressivo, che stiano cercando di convincere alcuni grandi alleati di Trump a raccontare quello che sanno, e che stiano puntando anche sul ruolo di un altro gigante: Facebook.

Per ascoltare la nuova puntata del podcast, se avete un iPhone cercate “Da Costa a Costa” nell’app “Podcast”; altrimenti cliccate play qui sotto per ascoltarla su Spreaker. Se volete, dopo aver ascoltato la puntata lasciate una recensione su iTunes e parlatene sui social network o a chi pensate possa essere interessato a queste storie come voi. Sul sito di Piano P trovate la traduzione in italiano delle parti in inglese.

Ascolta “S2E17. L’inchiesta sulla Russia punta al bersaglio grosso” su Spreaker.

Avete ricevuto questo podcast gratis, come la newsletter che riceverete la settimana prossima, ma come avete capito realizzarli non è gratis: servono aerei, macchine, camere d’albergo, attrezzature, telefonate, connessioni internet, abbonamenti a servizi e giornali, e serve soprattutto tempo e lavoro. Dopo un anno e mezzo a seguire la campagna elettorale, “Da Costa a Costa” è ripartito il 21 gennaio e andrà avanti per tutto il 2017: ogni sabato si alterneranno una puntata della newsletter e una puntata del podcast. Dopo il Michigan (uno e due) e il Texas (uno e due) vorrei tornare un’altra volta negli Stati Uniti prima della fine dell’anno, per raccontarvi un altro pezzo di America, per cercare di capire come sta cambiando e perché ha scelto Donald Trump come suo presidente. È anche un tentativo di provare un nuovo modello per sostenere un’attività giornalistica: pagano i lettori se e quando vogliono, e vediamo che succede.

Se non lo avete già fatto – e centinaia di voi lo hanno già fatto: grazie di cuore! – vi chiedo quindi di valutare la possibilità di fare una donazione ricorrente da pochi euro al mese per pagare le spese di questo progetto e il mio lavoro. Due euro al mese vanno benissimo (a questo punto sono meno di 10 euro per tutto il 2017) ma se vorrete essere più generosi non ve lo impedirò, così come se vorrete fare una donazione una tantum e togliervi il pensiero. Più fondi raccoglierò, più cose potrò vedere negli Stati Uniti e più cose potrò raccontarvi come ho fatto fin qui. Se vi interessa, qui trovate le istruzioni per fare una donazione in completa sicurezza, usando la vostra carta di credito o il vostro conto Paypal. Grazie, come sempre. Ciao!

Per ricevere le prossime newsletter, ogni sabato fino alla fine dell’anno, clicca qui.