Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Perché Hillary Clinton ha perso le elezioni (16/50)

cc_2Tutti dicono che dal giornalismo si aspettano inchieste, approfondimenti, cose che forniscano strumenti per capire la realtà e quello che ci sta intorno; poi succede una cosa enorme e complicata, come la sorprendente vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali statunitensi, e nel giro di dieci minuti – ma davvero dieci minuti, letterali – la stampa e le tv si riempiono di analisi sbrigative e raffazzonate che elencano tutti i motivi per cui era ovvio che andasse a finire così, perché la vittoria di Trump è il trionfo di questo e di quello, e quindi ecco la grande lezione di questa campagna elettorale, cotta e mangiata. Dieci minuti.

Quindi la puntata del podcast di questa settimana, tra le altre cose, è un esperimento: vogliamo provare a tornare adesso sulla sconfitta di Hillary Clinton? Oppure è roba vecchia che non ci e vi interessa più, e ormai è andata? Come sapete, sono andato in Michigan lo scorso marzo anche per capire cosa era successo in uno stato decisivo che nel 2016 aveva votato Trump ma sceglieva candidati del Partito Democratico ininterrottamente dal 1992 (per chi è arrivato dopo, i podcast sul mio viaggio in Michigan sono qui e qui); e il discorso cominciato allora non si esaurisce certo con la puntata di oggi.

Questa puntata non è una spiegazione esaustiva sul perché Clinton ha perso un’elezione già vinta ma credo metta un bel po’ di carne al fuoco, a partire dalle risposte ad alcune domande fondamentali: Clinton ha perso per la lettera dell’FBI a 11 giorni dal voto, come dice lei? Effettivamente perché l’FBI ha parlato pubblicamente in campagna elettorale dell’indagine su Clinton e non su quella su Trump e la Russia, che andava avanti da luglio? Cosa non ha funzionato nella strategia elettorale e nel comportamento di Clinton, al punto da aver preso tre milioni di voti in più di Trump e aver perso comunque? Poi naturalmente parliamo anche della riforma sanitaria che i Repubblicani sono riusciti a far passare alla Camera (e ci torneremo in modo più approfondito sabato prossimo) e della legge di bilancio con cui il Congresso è riuscito – fino a settembre, intanto – a evitare lo shutdown delle attività del governo federale.

Se avete un iPhone, per ascoltare la puntata cercate “Da Costa a Costa” nell’app “Podcast”; altrimenti cliccate play qui sotto per ascoltarla su Spreaker. Se volete, dopo aver ascoltato la puntata lasciate una recensione su iTunes e parlatene sui social network o a chi pensate possa essere interessato a queste storie come voi. Sul sito di Piano P trovate la traduzione integrale delle parti in inglese.

Ascolta “S2E8. Perché Hillary Clinton ha perso le elezioni?” su Spreaker.

Avete ricevuto questo podcast gratis, come la newsletter che riceverete la settimana prossima, ma realizzarli non è gratis: servono aerei, macchine, camere d’albergo, attrezzature, telefonate, connessioni internet, abbonamenti a servizi e giornali, e serve soprattutto tempo e lavoro. Dopo un anno e mezzo a seguire la campagna elettorale, “Da Costa a Costa” è ripartito il 21 gennaio e andrà avanti per tutto il 2017: ogni sabato si alterneranno una puntata della newsletter e una puntata del podcast, e vorrei tornare di nuovo negli Stati Uniti nei prossimi mesi, per raccontarvi un altro pezzo di America, per cercare di capire come sta cambiando e perché ha scelto Donald Trump come suo presidente.

Se non lo avete già fatto – e centinaia di voi lo hanno già fatto: grazie di cuore! – vi chiedo quindi di valutare la possibilità di fare una donazione ricorrente da pochi euro al mese per pagare le spese di questo progetto e il mio lavoro. Due euro al mese vanno benissimo (a questo punto sono meno di 15 euro per tutto il 2017) ma se vorrete essere più generosi non ve lo impedirò, così come se vorrete fare una donazione una tantum. Più fondi raccoglierò, più viaggi potrò fare negli Stati Uniti, più posti potrò visitare e più cose potrò raccontarvi come ho fatto fin qui. Se vi interessa, qui trovate le istruzioni per fare una donazione in completa sicurezza, usando la vostra carta di credito o il vostro conto Paypal. Grazie, come sempre. Ciao!

Per ricevere le prossime newsletter, ogni sabato fino alla fine dell’anno, clicca qui.