Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Dobbiamo preoccuparci di Trump e la Corea del Nord? (14/50)

cc_2

Si dice che i presidenti americani si dedichino alla politica estera quanto più vedono frustrate le loro ambizioni in politica interna, e viceversa, ed è una cosa che di solito capita nella seconda parte del loro mandato: dopo che le elezioni di mid-term hanno compromesso le loro maggioranze al Congresso. Ma è una generalizzazione che ha visto mille eccezioni, e forse siamo davanti a una di queste: perché è vero che le ambizioni di politica interna di Trump sono state fin qui clamorosamente frustrate – la riforma sanitaria è fallita, quella fiscale sarà rinviata, eccetera – ma Trump rimane il capo di un partito che controlla entrambi i rami del Congresso, ed è stato eletto sulla base di promesse nazionaliste come nessun altro presidente del recente passato.

Messe le mani avanti, è interessante notare come da qualche settimana Trump si stia dedicando alla politica estera più di quanto si potesse immaginare. Prima i colloqui con la Cina, poi la decisione di attaccare Assad e “rompere” con la Russia in Siria, in mezzo anche un esempio di aggressività militare come il lancio della grande bomba contro lo Stato Islamico in Afghanistan (di Trump e il Medioriente parliamo il 26 aprile a Milano, se vi interessa). Ora c’è la questione Corea del Nord. Nella gran parte dei casi sono gli eventi a trascinare Donald Trump, e non lui a determinarli, ma rimane che nel momento in cui ha cominciato a utilizzare la potenza militare statunitense sul serio e anche con una certa soddisfazione, è cresciuta moltissimo la tensione verbale e militare contro uno dei regimi più repressivi, violenti e imprevedibili del mondo: la Corea del Nord. Qual è la strategia della Casa Bianca e cosa può ottenere?

Ho cercato di spiegarlo e raccontarlo in questa nuova puntata del podcast, che potete ascoltare cliccando Play qui sotto. E sono successe altre cose interessanti di cui parlare: per esempio il governo americano rischia di finire presto senza soldi, e un candidato Democratico trentenne rischia di strappare ai Repubblicani un seggio importante alla Camera in Georgia.

Se avete un iPhone, per ascoltarla cercate “Da Costa a Costa” nell’app “Podcast”; altrimenti cliccate play qui sotto per ascoltarla su Spreaker. Se volete, dopo aver ascoltato la puntata lasciate una recensione su iTunes e parlatene sui social network o a chi pensate possa essere interessato a queste storie come voi.

Ascolta “S2E7. Dobbiamo preoccuparci di Trump e della Corea del Nord?” su Spreaker.

Hai ricevuto questo podcast gratis, come la newsletter che riceverai la settimana prossima, ma realizzarli non è gratis: servono aerei, macchine, camere d’albergo, attrezzature, telefonate, connessioni internet, abbonamenti a servizi e giornali, e serve soprattutto tempo e lavoro. Dopo un anno e mezzo a seguire la campagna elettorale, “Da Costa a Costa” è ripartito il 21 gennaio e andrà avanti per tutto il 2017: ogni sabato si alterneranno una puntata della newsletter e una puntata del podcast, e vorrei tornare di nuovo negli Stati Uniti nei prossimi mesi, per raccontarvi un altro pezzo di America, per cercare di capire come sta cambiando e perché ha scelto Donald Trump come suo presidente.

Se non lo avete già fatto – e diverse centinaia di voi lo hanno già fatto: gli americani direbbero God bless you – vi chiedo quindi di valutare la possibilità di fare una donazione ricorrente da pochi euro al mese per pagare le spese di questo progetto e il mio lavoro. Due euro al mese vanno benissimo (sono meno di 20 euro per tutto il 2017) ma se vorrete essere più generosi non ve lo impedirò, così come se vorrete fare una donazione una tantum. Più fondi raccoglierò, più viaggi potrò fare negli Stati Uniti, più posti potrò visitare e più cose potrò raccontarvi come ho fatto fin qui. Se vi interessa, qui trovate le istruzioni per fare una donazione in completa sicurezza, usando la vostra carta di credito o il vostro conto Paypal. Grazie, come sempre. Ciao!

Per ricevere le prossime newsletter, ogni sabato fino alla fine dell’anno, clicca qui.