IlPost

Nella testa di Renzi

Premessa uno. Non mi interessa giustificare Renzi. Non lo so se ha fatto bene. Di certo non mi è piaciuto come lo ha fatto, negando per settimane di voler sostituire Letta e poi dicendo di volerlo sostituire senza spiegare cosa fosse cambiato nel frattempo. Non lo so se ha fatto bene. La risposta più sensata a moltissime delle domande che ci facciamo in queste ore non può che essere “non lo so”: meglio diffidare di chi ha troppe certezze. Ma lo scopo di questo post non vuole essere capire se abbia fatto bene o no: vuole essere cercare di capire perché.

Premessa due. Se alla domanda “perché?” la vostra risposta è senza grandi esitazioni “per il potere” o “perché è uno stronzo” o una variazione sul tema, forse potete fare a meno di leggere questo post. O forse potete provare a farvi qualche domanda in più, perché ci sono delle strane contraddizioni che circolano: chi ieri criticava Renzi per come comodamente bastonava l’incolpevole Letta, vittima di una maggioranza assurda, e oggi lo critica perché ha deciso di mettersi in quell’identica situazione; chi ieri criticava Renzi perché non voleva “mettere la faccia” nelle sorti del governo con un rimpasto e oggi lo critica perché di faccia ci metterà direttamente la sua. Chi lo critica perché “non è stato eletto” e poi difende il parlamentarismo della nostra Costituzione. Chi lo critica perché “assetato di potere” e allo stesso tempo dice che questa mossa lo brucerà. Ripeto una cosa, per evitare obiezioni superflue: chi critica Renzi perché tre settimane fa diceva #enricostaisereno e oggi fa fuori Enrico, invece ha ragione. Punto.

Premessa tre. Questo post è per quelli che pensavano che Renzi volesse sì arrivare a fare il presidente del Consiglio, ma dopo aver fatto la cosa che tutti riconoscono come quella che gli viene meglio: prendere i voti, vincere le elezioni. Perché era giusto così e soprattutto perché per cambiare l’Italia davvero, per trattare con alleati e sindacati e industriali da posizioni di forza, serve la spinta politica che può darti solo un netto successo elettorale. Questo post è per quelli che pensano che Renzi sia caduto in un “trappolone” della politica romana (cosa da non dimenticare: la “staffetta” è innanzitutto una proposta degli avversari di Renzi nel PD). Per quelli che lo hanno votato e non capiscono: e si sentono traditi, e pensano sia scemo, e pensano sia uno sprovveduto, e si chiedono perché. Perché, allora?

Io ci ho provato a mettermi nella testa di Renzi, che non è uno scemo. E mi sono dato questa possibile spiegazione.

Renzi è segretario del PD da dicembre. Il suo grande consenso popolare, semplificando, si basa soprattutto sul suo essere diverso dalla grandissima parte di quelli che ha attorno. Diverso come toni, diverso come efficacia, diverso come curriculum e provenienza, diverso come passo. Le idee e le proposte contano, certo, ma possiamo pacificamente concordare sul fatto che non siano quelle che rendono Renzi il fenomeno politico che è. Renzi resta Renzi se continua a fare Renzi: cioè se corre. Renzi resta Renzi se non diventa come gli altri, se non si impelaga, se dimostra quotidianamente di avere un altro passo. E naturalmente, Renzi resta Renzi finché conserva un grande consenso personale e la credibile possibilità di portare il partito che dirige – e se stesso, quindi – a una vittoria elettorale. In condizioni normali, cosa può fare un leader politico che ha bisogno di correre? Se è al governo, sposa un’agenda politica aggressiva, cerca una o due riforme particolarmente significative e simboliche. Se è all’opposizione, martella il governo dalla mattina alla sera. Dov’era Renzi fino a ieri, al governo o all’opposizione?

Questa domanda non ha una risposta. Il governo Letta era allo stesso tempo due cose. Primo: un governo frutto di un risultato elettorale straordinario ed espressione di un’alleanza tra il PdL di Berlusconi, che nel frattempo si è sciolto e se n’è andato e Berlusconi è decaduto, e il PD dell’era Bersani, che nel frattempo si è dimesso ed è stato rimpiazzato proprio dal suo avversario storico. Secondo: un governo sostenuto in Parlamento praticamente solo dal PD, con un piccolissimo ma fondamentale apporto anche di un pezzetto di centro (neanche tutto) e un gruppuscolo di centrodestra. Guidato da Enrico Letta, già vicesegretario del PD e suo autorevole dirigente: non un tecnico. Riformulo la domanda: Renzi è al governo o all’opposizione? Per quanto straordinario, il governo Letta è senza ombra di dubbio un governo del PD. Allo stesso modo però è un governo con cui Renzi non ha praticamente niente a che fare, e che anzi è nato grazie alle scelte di quelli che nel PD erano i suoi avversari. In questa situazione, come fa Renzi a restare Renzi? A correre, a dimostrare di avere un altro passo?

Dato che Renzi non fa parte del governo ma è il capo del principale partito della maggioranza, il suo tentativo è stato incentrato sulle riforme istituzionali, quelle che storicamente competono al Parlamento e non al governo: riforma della Costituzione, abolizione del Senato, legge elettorale. Per qualche giorno, lavorando su questo fronte, Renzi ha fatto il Renzi: ha corso. E infatti vi ricorderete gli elogi, anche da parte di personaggi insospettabili, “per essere riuscito a fare in due mesi quello che nessuno era riuscito a fare in dieci anni”. Trovato l’accordo, però, bisognava farlo passare in Parlamento. E la legge elettorale – delle tre riforme quella con l’iter più breve – si è arenata quasi subito. Per molte ragioni: difficoltà parlamentari, opportunità politica di questo e quello. E poi una cosa, soprattutto: che gli avversari politici di Renzi, sia dentro che fuori il PD, non hanno alcun interesse a vedere Renzi fare Renzi, a vederlo correre e dettare il passo e vincere. E non hanno alcun interesse a permettergli di mantenere questa posizione obliqua rispetto al governo, un piede dentro e un piede fuori, per cui se il governo Letta fa una cosa giusta è merito di Renzi che lo sprona, mentre se il governo Letta fa una cosa sbagliata è colpa di Letta e Renzi lo azzanna. Quindi, tenendo dalla parte del manico il coltello sul tema delle riforme, hanno detto a Renzi: entra nel governo. Facciamo il rimpasto. Porta due o tre o quattro tuoi e facciamoli ministri. Mostra che condividi con noi la responsabilità del governo, che non sei un battitore libero: che anche tu come noi hai legato un pezzo della tua carriera politica al governo Letta. “Mettici la faccia”.

Renzi ha fatto resistenza sul rimpasto, come è noto. Ma hanno fatto resistenza anche i suoi avversari: non solo ricordandogli che il destino delle sue riforme era in mano a loro – Renzi nemmeno c’è, in Parlamento – ma anche insistendo, loro per primi, sulla necessità del rimpasto, se non addirittura di una “staffetta”. Ribaltamento paradossale: i più governisti di tutti pronti a far cadere il governo, gli anti-governisti pronti a criticare Renzi per aver fatto cadere Letta. Tant’è, la questione era sul tavolo. Renzi, per fare Renzi, doveva far correre il governo Letta e le sue riforme: non c’è riuscito. Mandare quattro dei suoi al governo avrebbe dato la sveglia al governo? Avrebbe cambiato abbastanza le cose da permettere a Renzi di fare Renzi? Tenete a mente una cosa, già che ci siete. Fra tre mesi si vota per le europee.

Le elezioni europee, storicamente, sono pesantissime per il governo in carica: è un voto puramente politico, astratto, scollegato da qualsiasi concretezza di governo, tanto che in campagna elettorale si parla pochissimo di Europa. È un voto del quale l’elettorato non percepisce conseguenze dirette ed è un voto che storicamente premia i partiti dalle posizioni più radicali. Nel 2009 l’Italia dei Valori prese l’8 per cento, raddoppiando i voti presi alle politiche un anno prima, e poi quasi scomparve; nel 1999 i Radicali presero l’8,5 per cento, quattro volte i voti presi alle politiche di tre anni prima, e poi sapete che fine hanno fatto. Avete capito dove voglio arrivare: esiste il fortissimo rischio che Forza Italia e soprattutto il Movimento 5 Stelle prendano moltissimi voti alle europee. Renzi ha detto più volte esplicitamente che il PD rischia una scoppola, se non si dà una mossa e quindi se non dà una sveglia al governo, “se non porta a casa qualcosa”. La legge elettorale e l’abolizione del Senato erano quel tentativo: arenato.

Insomma, lo scenario che si prospettava davanti a Renzi era questo: continuare a sostenere un governo sul quale non ha alcuna influenza ma al quale non può fare opposizione, e sperare che passino delle riforme in un Parlamento in cui non ha nessuna influenza. Mentre in campagna elettorale sia Forza Italia che il Movimento 5 Stelle massacrano il governo Letta, giocando al gioco più facile del mondo, trovarsi costretto a difenderlo. Anche se è un governo che non ha voluto e non gli piace, anche se è nato per decisione dei suoi avversari, anche se è un governo oggettivamente deludente, è sempre un governo del PD, guidato da un dirigente del PD, e lui è il segretario del PD: Renzi, difendilo. Cosa vuoi fare, sfiduciare Letta in piena campagna elettorale? Scenario realistico, il più probabile: Renzi, per quanto tenti di fare il Renzi, non ci riesce. Il suo destino, la sua carriera politica, la possibilità di vincere un giorno le elezioni, si ritrovano legate a un Parlamento ingolfato, a un governo immobile e a un’elezione imminente che deve affrontare difendendo il governo immobile. Rischio concretissimo: il PD va male alle Europee. Migliora la sua percentuale di voti rispetto alle politiche, magari invece di prendere il 25 prende il 29 per cento. Ma se Di Pietro cinque anni fa raddoppiò i suoi voti, e i Radicali nel 1999 addirittura li quadruplicarono, è così improbabile che il Movimento 5 Stelle prenda il 30? Pensate a questa ipotesi, piuttosto credibile: gli attacchi duri a un governo impopolare premiano l’opposizione e soffocano la maggioranza, quindi alle europee, magari per un pelo, il Movimento 5 Stelle diventa il primo partito. Il risultato è che Renzi è cotto. Una cosa doveva saper fare, prendere i voti, e non ci è riuscito. Li vedete già i titoli sul “flop del PD di Renzi”, vero? Lo vedete già l’accerchiamento e il logoramento dei suoi avversari dentro il PD, vero? Il Renzi che corre, che impone il suo passo, che vince, non c’è più: il passaggio delle riforme a cui tiene, l’arrivo al governo, diventano complicatissime. Forse impossibili e compromesse per sempre. Renzi è andato.

Il quadro a questo punto è abbastanza chiaro. Renzi sa che il suo destino, che gli piaccia o no, è legato indissolubilmente alle sorti del governo Letta, rimpasto o non rimpasto. Le elezioni non sono un’opzione: non solo per la nota opposizione di Napolitano ma soprattutto perché andare a votare con l’attuale legge elettorale, un proporzionale puro, garantisce matematicamente la necessità di dover ricorrere nuovamente a un governo di larghe intese. E la legge elettorale il Parlamento, in queste condizioni, non la cambierà. Per cui, a un certo punto, Renzi pensa: sai che c’è? Se il mio destino dipende dal governo, tanto vale che il governo lo faccia io. Rischio? Certo che rischio. Ma rischio comunque. Almeno così dipende da me, mi gioco le mie carte, padrone del mio destino. Inoltre guadagno la possibilità di fare il Renzi: di mostrare ai miei elettori – non ai militanti del PD: ai miei elettori – che non mi sono seduto, che sto facendo delle cose. Faccio alcune cose molto forti e simboliche nei tre mesi di luna di miele di cui gode ogni governo, quelli che Monti utilizzò per la riforma delle pensioni e che Letta ingenuamente dedicò soprattutto all’abolizione dell’IMU, e cerco di superare indenne le elezioni europee. Se con questa spinta alle europee il PD ottiene un buon successo, mi guadagno altri quattro o sei mesi di autonomia: magari nel frattempo abbiamo sbloccato la legge elettorale e le riforme istituzionali. È un azzardo pazzesco, certo: ma preferisco provare a farlo io o sperare che lo faccia Letta? Renzi si è dato una risposta. È più facile che ci riesca io o che ci riesca Letta? Renzi, che ha ovviamente molta fiducia in sé, si è dato una risposta.

Immagino che Renzi si renda conto che questo passaggio è stato molto rozzo, per usare un eufemismo. Una manovra di palazzo, come dicono quelli: non ci piove. Ma Renzi sa anche che le questioni di metodo e il logoramento sentimentale sono cose che avvertono soprattutto i militanti, quelli che seguono la politica, quelli che seguono i giornali, insomma pochi. Sa che in ultima istanza l’unica cosa che conterà per le sue sorti politiche sarà quello che farà quando sarà capo del governo: se farà cose buone e popolari tra sei mesi nessuno nemmeno si ricorderà come arrivò al governo. E forse pensa anche che il cosiddetto (scusate) “paese reale” (scusate), gli elettori poco politicizzati che solo lui nel centrosinistra riesce a intercettare, quelli che stavano già dicendo “‘sto Renzi ha vinto le primarie ma non è cambiato niente”, saranno soddisfatti di vedere di nuovo Renzi correre, dettare il passo, fare Renzi.