Un po’ di cose che penso di questo guaio

Chi legge questo blog conosce la mia enorme stima e considerazione verso Giorgio Napolitano, e conosce anche quanto sia lontano anni luce dal cosiddetto anti-berlusconismo, che rifiuta personalmente Berlusconi ma ne replica i metodi dimostrandosi in realtà molto berlusconiano: quelli che se Berlusconi eleggesse da solo il presidente della Repubblica, forzando, allora dovremmo farlo anche noi; quelli che se Berlusconi le spara grosse o fa il demagogo per accaparrarsi dei voti, allora dovremmo farlo anche noi. Premetto tutto questo perché non vorrei essere accomunato a certe posizioni da trogloditi nel dire che avrei preferito che PD, PdL, Lega e Scelta Civica non avessero chiesto a Napolitano la disponibilità a un secondo mandato, e che lui non avesse accettato.

Credo che ci sarebbero stati i margini per arrivare a una proposta del genere se ci fossimo trovati, chessò, al diciottesimo scrutinio: non al quinto. Credo che almeno tre persone affidabili ed eleggibili – Cancellieri, Severino, Bonino, non Rodotà – avrebbero potuto, rischiando grosso, tentare di ottenere il consenso del Parlamento. Ma il punto era che i partiti, e il centrosinistra su tutti, non erano più in grado di decidere nulla. Su nessun nome il centrosinistra avrebbe potuto garantire i voti: altri 15 scrutini sarebbero state altre 15 potenziali e dolorose umiliazioni riservate a 15 persone che non le avrebbero meritate, e intanto si sarebbero riaperte le borse, eccetera. L’unico nome possibile era quindi quello provvisto di una forza grande e personale, l’unico che potesse essere blindato in Parlamento anche senza le indicazioni dei partiti: e quindi quello di Giorgio Napolitano e nessun altro.

Era ovvio che Napolitano accettasse. Un uomo di straordinaria lucidità e responsabilità, probabilmente anche molto sconfortato, ha passato sette anni a chiedere, e chiedere, e chiedere, di cambiare la legge elettorale e fare le riforme istituzionali, e pensa probabilmente che sia inutile continuare a votare, e votare, e votare, ottenendo ogni volta governi deboli o instabili a causa di un sistema che produce problemi politici, invece che contribuire a scioglierli. Ora, davanti a una situazione di storico stallo, mentre il partito e la coalizione di maggioranza si sbriciolano, Napolitano con la sua rielezione ha ottenuto – non importa se espressamente o no, è evidente comunque – l’impegno a far partire un governo, e così sarà.

Io temo che questa cosa vada a finire molto male: che la rielezione di Napolitano fotografi, oltre a Napolitano stesso, anche tutto l’esistente, perpetuandolo. Il centrosinistra è uscito sbriciolato dall’ultima settimana, stretto dalla violenta resa dei conti tra i dirigenti e l’emotività isterica e immatura di parte del suo elettorato, che la stessa dirigenza ha cavalcato a lungo per tenersi in sella. Il centrodestra invece è resuscitato – pensate a com’erano messi PdL e Lega durante il governo Monti – e ha soprattutto il potere di far ingoiare qualsiasi cosa al suo elettorato: 20 giorni fa Berlusconi ha detto a reti unificate di essere pronto a sostenere un governo monocolore PD con Bersani presidente, e nessuno ha fatto una piega. Pensate se fosse accaduto il contrario. Credo però che anche gli argomenti di Napolitano siano fondati – andiamo a votare, e poi? se finisce uguale? – e credo anche che a questo punto sia il caso di superare il dibattito sull’eventualità di fare il governo di scopo o di andare a votare: il governo di scopo, giusto o sbagliato, che piaccia o no, si farà. Punto. Sia chi vorrà starci sia chi non vorrà rischierà di essere travolto definitivamente da Grillo: i primi per ragioni immediatamente evidenti, i secondi perché la storia recente mostra come non esistano le condizioni per creare aggregazioni significative alla sinistra del PD o al centro tra PD e PdL.

È molto più utile oggi mettersi a discutere del come farlo, ‘sto governo. Il miglior argomento contro il futuro governo è l’elenco delle cose non fatte o fatte male dal governo Monti: perché questa volta dovrebbe andare diversamente? In realtà di cose diverse ce n’è almeno una, piccola, forse due. La prima è che il governo Monti era vincolato al voto di fiducia di uno dei peggiori parlamenti della storia della Repubblica, quello del voto su Ruby e Mubarak, quello dei Responsabili, mentre questo dovrà ottenere la fiducia di un Parlamento in cui il centrosinistra – o meglio: quel che resta del centrosinistra – ha la maggioranza assoluta alla Camera e quella relativa al Senato. La seconda cosa si verificherà solo se i partiti decideranno di impegnarsi personalmente in questo governo. Per quanto si tratterebbe forse di uno spettacolo politicamente sgradevole – il ministro Carfagna e il ministro Orlando? il ministro Lupi e il ministro Delrio? – credo sia l’unica condizione per vincolare un minimo i partiti ai risultati del governo e per permettergli di prendere l’iniziativa sulla legge elettorale e sulle riforme istituzionali. Altrimenti avremo un altro illustre professore universitario a fare il ministro del Lavoro, buono per essere insultato e scaricato dai partiti in ogni momento senza pagare alcun prezzo, e un governo di tecnici che – come quello di Monti – non potrà che lasciare al Parlamento l’iniziativa sulle riforme.

Nessuno sa quanto durerà questo governo, facciamo che – realisticamente – duri un anno. Un anno per chi farà il governo, per fare almeno pochissime cose importanti e necessarie: ci credo pochissimo, ma d’altra parte oggi alternative non ce ne sono. Un anno per il centrodestra per costruire, se lo vorrà, una successione credibile a Berlusconi (anche se la recente resurrezione, complimenti a chi ne è stato artefice, ha reso la cosa molto improbabile). Un anno per il centrosinistra per ricostruirsi da zero, attraverso un congresso del PD e delle primarie per la presidenza del Consiglio. Io vedo una sola strada di salvezza possibile: un patto tra Giovani Turchi e renziani – cioè quelli nuovi e con delle cose da dire – per prendersi il partito. Non un accordo: guai se presentassero la stessa mozione al congresso. Ma un patto per sbarazzarsi di tutto il pre-esistente, invece che cercarne il sostegno e l’appoggio, per fare la destra e la sinistra del futuro PD, sfidandosi civilmente e democraticamente volta per volta per avere il controllo del partito. Un patto di legittimazione reciproca: ci si potrà criticare duramente ma nessuno dovrà più accusare l’altro di essere alieno al partito. Le cose che hanno detto ultimamente sia Renzi che Orfini in questo senso mi sembrano incoraggianti.

Un’ultima cosa, doverosa. Ho già accennato qualche volta alla questione, ma gli ultimi tre giorni l’hanno resa incredibilmente evidente. Chi nel 2009 partecipò in qualsiasi forma al congresso del PD – iscritto, militante, dirigente, osservatore, giornalista – si ricorda benissimo cosa dicevano della mozione Bersani i suoi avversari: dicevano che era un’aggregazione eterogenea e confusa riunita attorno all’idea di un partito simile ai vecchi partiti della sinistra, dicevano che ne sarebbe venuto fuori un PD più piccolo, più debole, identitario, affascinante solo per pochi nostalgici, subalterno ad alleati piccolissimi, che avrebbe perso pezzi a destra e a sinistra, che non avrebbe guadagnato voti ma anzi ne avrebbe persi ancora. In politica si dice che le elezioni le vincano sempre tutti e non le perda nessuno, ma stavolta siamo davanti a un raro caso in cui è evidente chi aveva ragione e chi aveva torto. Chi aveva ragione ha sbagliato solo nelle dimensioni del disastro, che nessuno poteva immaginare così vaste. Dopo le elezioni già vinte che si sono perse, dopo la tragica e dilettantesca gestione del dopo elezioni e del Quirinale, nel finesettimana si è distrutta anche l’alleanza con SEL e con Tabacci, a fronte della pomposa Carta d’Intenti firmata lo scorso ottobre: anche allora qualcuno diceva che era carta straccia, qualcun altro no. Qualcuno aveva ragione, qualcun altro no.

Sarà il caso di tenerne conto nel ricostruire il partito. Sarà il caso di non rifare gli stessi errori per l’ennesima volta. Su questo ha ragione Civati, che sintetizza così gli argomenti di certi dirigenti del PD: “dopo che abbiamo ridotto il centrosinistra così, non vorrete mica andare a votare? Affidate le cose a noi, sappiamo come si fa”. Ecco, no. Abbiamo visto abbastanza, grazie: vi togliete di mezzo subito. Già nel fare il governo, direi. E speriamo che gli elettori del centrosinistra si ricordino bene e a lungo il disastro di questi giorni, quali idee hanno avuto alla base e chi ne è responsabile.