Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Letture per prepararsi agli editoriali di domani

“Siamo il più bel corteo degli ultimi 150 anni”. Uno slogan ironico, ma neppure tanto. Per usare altre parole del nemico della piazza, quello di ieri è stato un miracolo italiano. Quando sarà finita l’era Berlusconi, si parlerà ancora del x xxxxxxx come di un giorno che ha cambiato la storia.

Nel mondo non s’era mai vista una simile folla di persone convocata attraverso la rete. E’ l’ingresso ufficiale della politica nell’epoca di Internet.

E’ una rivoluzione.

Allegra e vincente: nelle cifre, nei modi, nei linguaggi, nei volti, spesso di giovanissimi.

Di fronte all’enormità del fatto nuovo, colpisce la decrepitezza di un ceto politico a fine corso, evidente nelle reazioni scontate, conservatrici, impaurite. Di tutto il ceto politico, di maggioranza e d’opposizione.

Passeggiare per le strade di Roma ieri, a parte tutto, era un esercizio utilissimo per un politico. Le facce, le storie dei partecipanti raccontavano un’Italia che non comparirà mai al Tg1 ma opera ogni giorno nel famoso territorio. Associazioni di ogni tipo, che hanno movimentato già sulla rete decine di battaglie locali e nazionali, sulla Tav, il Ponte di Messina, il precariato, la scuola. Volontari, lavoratori, ceti medi, centri sociali ed elettori di destra delusi, gente del Nord, del Sud, immigrati: bella gente. Più giovani di quanti ne compaiano di solito nei cortei, quasi soltanto ventenni o cinquantenni, col buco in mezzo delle generazioni cresciuti negli ultimi decenni di egemonia televisiva.

Tanti pezzi di un’Italia non qualunquista, non rassegnata, che non sta mani nelle mani tutto il giorno a chiedersi “che cosa possiamo fare?” o a lagnarsi della casta dei politici. Domani non torneranno a casa a guardare la televisione. La rivoluzione non finisce qui e non finirebbe neppure con le dimissioni di Berlusconi. Continuerà a far politica nei nuovi modi, con o senza il permesso di chi pensa che la politica sia decidere tutto nelle fumose stanze di un vertice a palazzo.

(frasi da un editoriale di Curzio Maltese pubblicato il giorno dopo
la manifestazione antiberlusconiana del 5 dicembre 2009,
che ha proprio cambiato per sempre la storia di questo paese)