Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Di cosa parliamo

Alla fine di un lungo lavoro di scrematura e selezione delle carte su Berlusconi, queste sono le mie impressioni. Dal punto di vista umano il quadro continua a sembrarmi squallido e desolante. Dal punto di vista politico bisognerà valutare l’impatto di questa vicenda sull’opinione pubblica, tenendo conto anche del modo in cui la stanno raccontando i telegiornali, molto diverso dal modo in cui la sta raccontando la stampa: mi sembra però che il primo risultato sia stato l’arresto della campagna acquisti alla Camera. Dal punto di vista giudiziario, invece, mi sembra che le cose per Berlusconi possano essere meno tragiche di come poteva sembrare in un primo momento.

Il reato di concussione mi pare evidente e clamoroso, ma gli stessi pm dicono che questo è stato commesso da Berlusconi “abusando della sua qualità di Presidente del Consiglio dei Ministri”: si può cavillare a lungo sulla distinzione tra “qualità” e “funzioni”, ma se un reato è compiuto da Berlusconi in quanto presidente del Consiglio dei ministri, per legge la competenza spetta al tribunale dei ministri e non alla procura di Milano. C’è poco da fare.

Del reato di prostituzione minorile, ovvero del fatto che Berlusconi abbia avuto rapporti sessuali con Ruby, semplicemente non ci sono prove. Non sto dicendo che non possa essere successo, parlo di quello che c’è nelle carte. I magistrati dicono, in soldoni: Ruby faceva la prostituta; Ruby diceva ai suoi amici di conoscere Berlusconi da quando aveva sedici anni e di avere avuto diversi rapporti con lui (da settimane dice tutto il contrario, invece); alle feste che si tengono ad Arcore sono di norma presenti delle prostitute che intrattengono Berlusconi; Ruby in diverse circostanze ha partecipato a quelle feste. Ma non ci sono prove e nemmeno testimonianze del fatto che Ruby si sia anche solo spogliata davanti a Berlusconi, anche perché le sue presenze ad Arcore sono precedenti al suo arresto e le intercettazioni, invece, sono successive. Di Ruby ad Arcore sappiamo solo che c’è stata.