Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Ma anche

Capisco la necessità di rassicurare le truppe, ma un modo diverso di fare politica si vede anche dalla capacità di non farsi dettare l’agenda dalla pancia del proprio elettorato. I finiani finora c’erano riusciti bene, un po’ perché non avevano un elettorato e un po’ perché a lungo l’hanno dovuto semplicemente guidare, disegnargli dei nuovi punti di riferimento. Ora quei punti di riferimento ci sono e l’elettorato richiede coerenza: si può fare diversamente, se lo si ritiene opportuno, ma allora bisogna farlo con forza e senso di responsabilità. Invece mi sembra che i finiani stiano facendo tutto il contrario: prima votano a favore, poi si contraddicono, poi nicchiano e si preparano alla marcia indietro. Finché, appunto per rassicurare le truppe, ieri Fini dichiara che l’immunità non può essere reiterabile, altrimenti è una legge ad personam.

In realtà è vero l’esatto contrario. Se è vero, come dicono i finiani, che la necessità è “tutelare la funzione quale che sia la persona”, l’immunità non può che essere reiterabile: perché l’esigenza che giustifica l’immunità quando Berlusconi è premier dovrebbe venir meno quando Berlusconi ottiene un secondo mandato o viene eletto al Quirinale? Se l’immunità non è reiterabile allora non ha senso la sua esistenza, e in quel caso sì che sarebbe una legge ad personam: appunto perché metterebbe la persona davanti alla carica. E, ancora, farebbe venir meno la necessità che ispira la legge: proteggere le alte cariche dello stato nel corso del loro mandato. Capisco che questa dell’immunità per Fini è una grana, ma non si può tenere un piede in due scarpe: o la vuoi o non la vuoi.