Ops

Dopo una giornata di proteste e scontri violenti – si parla di almeno 40 morti, tra cui forse anche il ministro dell’interno - l’opposizione ha rovesciato il governo del Kirghizistan. Che è – era? – un governo violento e autoritario, arrivato al potere nel 2005 con grandi speranze riformatrici, praticamente tutte tradite, e riconfermato lo scorso luglio a seguito della più classica delle elezioni farlocche. Il presidente Kurmanbek Bakiyev è stato a lungo molto vicino alla Russia, ma ultimamente c’era stato un significativo riavvicinamento agli Stati Uniti. Già nel 2007 simili manifestazioni di protesta avevano chiesto le sue dimissioni, ma quella volta dopo due settimane la polizia riuscì a ristabilire l’ordine. Su questo blog si era parlato di Kirghizistan qui e qui.

3 commenti

  1. dasnake:

    Per ora non ci sono grandi informazioni, ma sul centro asia questo sito e` da tenere sott’occhio:

    http://www.registan.net/index.php/2010/04/06/protests-clashes-and-arrests-in-kyrgyzstan/

    (disclaimer: sono un po’ neocon destrorsi pro-usa, ma la notizia non porta colore politico)

  2. dasnake:

    Un po’ di foto:

    http://www.fergana.info/details.php?image_id=1269

    Anche una webcam (ora e` notte, ma domani ci darei un occhio):

    http://webcam.saimanet.kg/

  3. francescocosta:

    Grazie.