Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Non ho parole

La Nazione, cronaca di Firenze, 14 gennaio. C’è anche il pezzo, con tanto di virgolettato. Il corpo di Guido Galli è stato ritrovato sepolto dalle macerie dell’hotel in cui alloggiava. Difficile che abbia avuto tempo e modo di rilasciare interviste, prima di morire.

galli2

update: qui la Nazione si scusa per l’accaduto e ammette – non senza un certo candore – che quelle parole non erano affatto di Galli, come invece diceva il pezzo («Parla il fiorentino Guido Galli…»)

La frase attribuita a Galli ci è stata riferita nel corso di decine di telefonate di controllo: in realtà non era stata pronunciata dal nostro concittadino ma da un altro dipendente delle Nazioni Unite, fortunatamente scampato al disastro. L’abbiamo riportata solo quando – in nottata – la notizia che Guido era salvo ci è stata confermata dalla famiglia, che ha aggiunto anche altri particolari di cui era venuta a conoscenza e che coincidevano con le informazioni raccolte. E’ stato un incidente che ha addolorato noi per primi e del quale ci scusiamo nuovamente.

(grazie a Francesco Truisiano per i ritagli. Chi vuole controllare coi suoi occhi vada qui, clicchi su Prova e si registri: ti danno la possibilità di guardare gratuitamente i pdf degli ultimi sette giorni)

16 commenti

  1. piergiorgio:

    Ma è pazzesco. Mamma mia cos’è l’informazione in Italia.

  2. Filippo:

    Hai provato a chiedere lumi al direttore della Nazione o al giornalista che ha firmato il pezzo? Non so, ma un conto e’ recensire un film che non si e’ nemmeno mai visto, un altro e’ intervistare un morto, con buona pace dei suoi familiari in lutto.

  3. francescocosta:

    Il pezzo è siglato, non firmato.

  4. Emanuele:

    Incredibile e increscioso.
    Ciao,
    Emanuele

  5. Gianluca Aiello:

    Ditemi che è uno scherzo di cattivo gusto e disinformatico sbugiarderà questa bufala!!

  6. Rolando:

    ma come, non era l’informazione sulla rete ad essere piena di bugie? ed i Veri Giornalisti solo quelli dei gruppi editoriali famosi?

  7. fabio:

    ma non c’è scritto “Agostini a pag. 9″?

  8. enrico:

    La smania dell’intervista a tutti i costi…

  9. Dario:

    Se vi capita, cercate le parodia delle prime pagine de LaNazione che ogni tanto appaiono sul Verncoliere, ad opera di Federico Maria Sardelli. Riassumono perfettamente quello che LaNazione è, specie nella cronaca toscana…

  10. guido:

    i giornalisti hanno fatto passi da giganti ..ora sono in grado di intervistare i morti …a breve l’intervista a giulio cesare..
    dovrebbe cambiare lavoro x il suo bene e x chi legge le sue cavolate…e dovrebbe aver rispetto x la persona che non c’e’ piu’e per i famigliari

  11. giornalismo-emetico:

    radiazione immediata dall’albo per i responsabili di questa truffa, perché altro non è

  12. attivissimo-boys:

    sei stato nominato.. sul blog di Attivissimo :)

    http://attivissimo.blogspot.com/2010/01/il-giornalista-che-parla-con-i-morti.html

  13. francescocosta:

    Son grandi soddisfazioni!

  14. Grezzo:

    Che scuse patetiche quelle del quotidiano, davvero patetiche e che non reggono neppure con le stampelle. Notato che nell’articolo di scusa non si fa neppure menzione di CHI sia in realtà la frase attribuita a Galli. Perchè la realtà è probabilmente un’altra: non avendo neppure un contatto decente ad Haiti si sono inventati tutto l’articolo prendendo un nome a caso tra quelli che figuravano alle dipendenze dell’ONU. L’autore dell’articolo si dovrebbe vergognare.

    p.s. grazie per questa segnalazione dell’ennesima castroneria dei giornalisti cialtroni italiani

  15. michele:

    oggi agostini biascica scuse a pagina 7.. non sapevo, pensavo, credevo..

  16. francesca:

    per lavoro sono in contatto quasi quotidiano con i giornalisti (ehm)delle testate locali: l’approssimazione e la scarsa professionalità con cui svolgono il loro lavoro è desolante, il brutto è che poi fanno carriera…