Questo sito contribuisce alla audience di IlPost

Quando il gioco si fa duro

Oggi il Sole 24 Ore pubblica la traduzione di questo pezzo di Foreign Policy, pubblicato ieri, che spiega come mai il mondo islamico – che di solito affibbia fatwa a destra e a manca, da Salman Rushdie ai Pokemon, dalle scene di sesso nei film ai vaccini contro la polio – non abbia speso una sola parola nei confronti del massacro degli uiguri, che in teoria sarebbero musulmani come loro.

5 commenti

  1. Giovanni Fontana:

    L’articolo non l’ho ancora letto, però Al-Quaida ha minacciato la Cina.
    http://english.aljazeera.net/news/asia-pacific/2009/07/20097154332853452.html

  2. francescocosta:

    In realtà, a quanto leggo, sono i servizi cinesi a dire di essere sotto la minaccia di Al Qaeda, anzi, di aver sentito un “chiacchiericcio” tra terroristi nel nordafrica. Questo genere di allarmi non e una novità e in un posto come la Cina non ha grande affidabilità, dato che proprio la paventata presenza di terroristi tra gli uiguri è stata dall’11 settembre in poi il principale pretesto per i massacri. Oppure mi sfugge un comunicato, un video, una fatwa di Al Qaeda che minaccia la Cina?

  3. dasnake:

    Per “massacro degli uiguri” intendi:

    “Among the dead, 137 were Han, including 111 men and 26 women. Forty-six were Uygurs, including 45 men and a woman. A man of Hui ethnicity also died,”

    o la situazione in generale nell Xinjiang?

    Te lo chiedo perche` mi pare che in italia sia passata un po’ la storia che i 180 e passa morti siano tutti uiguri ammazzati dalla polizia, che pare proprio non sia quello che e` successo. Non che questo renda innocente il governo locale e centrale cinese, ma insomma, dire cose false non aiuta.

  4. francescocosta:

    Mi riferisco alla repressione violenta delle autorità cinesi nei confronti degli uiguri.

  5. Manuele:

    Non ho letto ancora la notizia, commento solo per dire che pure i curdi son musulmani. E non mi pare sia mai stata una discriminante per il cosiddetto “mondo islamico” (qualunque cosa esso sia, ancora non l’ho capito…)